Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

I GIURATI/4

Paul-André Barriat, presidente della Federation Des Vins du Bergeracois racconta il primo capitolo della competizione: “Una degustazione spiazzante. Difficile individuare l'origine territoriale”

Il Portogallo
conquista
un francese

“Degustazione estremamente interessante perché spiazzante. È stato difficile riconoscere il territorio di origine dei vini”, così commenta Paul-André Barriat enologo, viticultore e presidente della Federation Des Vins du Bergeracois che veste i panni di giurato.

Alla sua settima partecipazione al concorso quest'anno ha trovato vini di altissima qualità con un'impronta territoriale molto labile che ha portato a non poca confusione. “La prima batteria è stata interamente composta da vini bianchi provenienti dalla Languedoc-Roussillon – spiega Barriat -. Ma noi giudici non abbiamo ricondotto tutti i vini assaggiati a quel territorio. Solo in alcuni è stato facile individuare la regione, per gli altri vini pensavamo addirittura provenissero da tutt'altre parti del mondo”. Così è stato anche per i rossi. “Nella seconda batteria di rossi abbiamo valutato i vini della Toscana. Il fatto curioso è che eravamo sicuri che fossero Cabernet-Sauvignon di Bordeaux”. Lo scambio più eclatante che ha colto i giudici in fallo è stato nella batteria degli champagne, come racconta divertito il giurato francese: “Abbiamo degustato una serie di soli champagne, ma molti giurati non li hanno riconosciuti come champagne”. Confusione a parte quelli che hanno sorpreso di più Barriat sono stati i rossi del Portogallo. “E' stata questa una buona serie di vini. Tra quelli che oggi ho assaggiato per me sono i migliori”.

Manuela Laiacona

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Peppe Causarano

Ristorante VotaVota

Marina di Ragusa (Rg)

1) Spaghetto affumicato burro e alici

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search