Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 91 del 11/12/2008 il 11 Dicembre 2008
di

Antica dolceria Bonajuto

Premio Migliore pasticceria

La pasticceria di Franco Ruta è una bottega dolciaria aperta dal 1880. In quella data, a Modica, tra gli svolazzi dell’appena nato barocco, l’avo Francesco Bonajuto iniziò a proporre delle specialità dolciarie d’ispirazione arabo-spagnola, già allora sulla strada del dimenticatoio. Oggi la pasticceria è nota in tutto il mondo per le ricette legate al cacao ed al cioccolato, un prodotto importato dagli spagnoli e lavorato per la prima volta proprio in Sicilia. Tra le ricette, la più famosa è di ispirazione azteca e prevede l’utilizzo a mo’ di energizzante di peperoncino nell’impasto. Ma la dolceria di Franco e di suo figlio Pier Paolo ha numerose frecce nel suo arco. Pensiamo all’ “Aranciata e Cedrata”, un dolce di origine araba legato alle festività natalizie; gli “’Mpanatigghi”, tanto cari a Leonardo Sciascia, biscotti da viaggio ripieni di carne, mandorle e cioccolato, che si rifanno alle empanadas o empadillas spagnole; i “Nucatoli”, il cui nome è annotato nei più antichi vocabolari siciliani e che deriva probabilmente da un termine latino che indicava il coniugare il miele con le mandorle; i cannoli con la ricotta vaccina; l’infinita pralineria. Anche l’atmosfera è d’emozione. I mobili antichi e scuri, le vetrine, i libri, le bottiglie, il caffé… Entrare nell’Antica Dolceria Bonajuto non è visitare una pasticceria, è accedere alla bottega di uno speziale, di uno studioso del Buon Gusto. Un Best in Sicily che vale il viaggio.
 

Antica dolceria Bonajuto

Premio Migliore pasticceria

La pasticceria di Franco Ruta è una bottega dolciaria aperta dal 1880. In quella data, a Modica, tra gli svolazzi dell’appena nato barocco, l’avo Francesco Bonajuto iniziò a proporre delle specialità dolciarie d’ispirazione arabo-spagnola, già allora sulla strada del dimenticatoio. Oggi la pasticceria è nota in tutto il mondo per le ricette legate al cacao ed al cioccolato, un prodotto importato dagli spagnoli e lavorato per la prima volta proprio in Sicilia. Tra le ricette, la più famosa è di ispirazione azteca e prevede l’utilizzo a mo’ di energizzante di peperoncino nell’impasto. Ma la dolceria di Franco e di suo figlio Pier Paolo ha numerose frecce nel suo arco. Pensiamo all’ “Aranciata e Cedrata”, un dolce di origine araba legato alle festività natalizie; gli “’Mpanatigghi”, tanto cari a Leonardo Sciascia, biscotti da viaggio ripieni di carne, mandorle e cioccolato, che si rifanno alle empanadas o empadillas spagnole; i “Nucatoli”, il cui nome è annotato nei più antichi vocabolari siciliani e che deriva probabilmente da un termine latino che indicava il coniugare il miele con le mandorle; i cannoli con la ricotta vaccina; l’infinita pralineria. Anche l’atmosfera è d’emozione. I mobili antichi e scuri, le vetrine, i libri, le bottiglie, il caffé… Entrare nell’Antica Dolceria Bonajuto non è visitare una pasticceria, è accedere alla bottega di uno speziale, di uno studioso del Buon Gusto. Un Best in Sicily che vale il viaggio.
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search