Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 94 del 31/12/2008 il 31 Dicembre 2008
di

QUI MILANO

In via Montenapoleone la lussuosa e antica pasticceria Cova. Prodotti raffinati con sculture di zucchero, alcuni dei quali possono costare fino a 600 euro

Panetton de’ Paperoni

Chi l’ha detto che via Montenapoleone è solo la via della moda? Non solo cose da indossare per la Milano bene, infatti, ma anche prelibatezze da palato fine. Ed ecco la confetteria e pasticceria deluxe Cova, divenuta ormai prestigiosa griffe delle squisitezze dolciarie.

Panettoni imbellettati e farciti, semplici e raffinati, in Cubo o in Cappelliera, con Babbo Natale di rosso vestito e sculture di zucchero varie riempiono le vetrine della strada più frequentata di Milano e vengono ammirati dai passanti che non sempre possono permettersi di acquistarli. Delizie che però non sono alla portata di tutte le tasche se si considera che il prezzo può arrivare fino alle 550-600 euro. Insomma ecco il panettone dei ricchi.
Da quasi due secoli Cova serve l’aristocrazia cittadina diventando il locale storico alla “moda”: fondato nel 1817 da Antonio Cova, un soldato di Napoleone era stato offeliere nella Galleria De Cristoforis e divenuto da subito luogo d'incontro del dopo teatro di famosi artisti, scrittori, musicisti, professori, e di uomini imbellettati in giacca e cravatta. Fu dopo il bombardamento del 1943 che lo colpì insieme al Teatro alla Scala, vicino al quale sorgeva, che si trasferisce in Montenapoleone, dove cambia strada ma non il suo look raffinato e lussuoso. Negli anni '90 Cova porta la sua tradizione in diversi Paesi, incontrando nuove culture e "atterrando" sino in Asia: nel 1994 viene inaugurata ad Hong Kong la sua prima Caffetteria-Ristorante e successivamente alcune "boutiques" del dolce, conquistando in breve tempo l'Oriente con i suoi dolci tradizionali ed un servizio impeccabilmente aristocratico "made in Italy" e in un grande complesso di architettura moderna e tecnologica, all'interno di uno dei centri commerciali più grandi del mondo, Cova propone il suo inconfondibile espresso, diventando un'istituzione. Il dolce nuziale, l’intramontabile Royal Wedding, il "gateaumariage" realizzato in svariate sfumature di toni e decorato con fiori di zucchero o freschi, che richiamano il bouquet della sposa, il British Spring, il Country Dream che si erige su colonnine di zucchero, sono solo alcuni dolci per ricorrenze speciali. Immancabilmente, quanto mai attuale in questo periodo, è il panettone che, secondo la leggenda, veniva richiesto direttamente dal maestro Giuseppe Verdi al Mastro pasticcere per la sua amata Peppina, ovvero la soprano Giuseppina Strepponi, sua seconda moglie. A distanza di due secoli arriva ancora sulle tavole dei buongustai, con la stessa bontà di una volta: ma solo per le tasche più fortunate, però.

Rita Vecchio


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search