Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL MANIFESTO

Nel documento, presentato nel corso della manifestazione Vignerons d’Europe a Firenze, anche un appello all’Unione Europea: “Tuteli gli artigiani del vino”

La carta
del buon vignaiolo

I vignerons hanno deciso e hanno messo le loro intenzioni nero su bianco. Stiamo parlando del manifesto dei “Vignerons d’Europe 2009” presentato lunedì 7 dicembre a Firenze, presso il Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio, in un’aula gremita di vignaioli provenienti da venti diversi paesi.

La manifestazione è stata organizzata da Slow Food e dalla Regione Toscana. Frutto di una serie di incontri che hanno avuto luogo a Montecatini Terme, dove si è dibattuto circa l’etica, gli organismi artificiali e l’identità stessa dei vignaioli, il manifesto non è stato finalizzato solo alla redazione degli undici punti. L’aspetto più importante della manifestazione infatti, è che queste poche righe verranno presentate alla Commissione Europea che si sta occupando dell’unità relativa all’agricoltura biologica. L’ultimo punto della carta, il vigneron chiede che proprio l’Ue non si dimentichi di lui nella produzione di regolamenti e che non tengano solo in considerazione le esigenze delle grandi aziende vitivinicole, ma anche le loro.
Nei giorni passati a Montecatini, i vigneron hanno inoltre provato a trovare un filo conduttore tra loro cercando di rispettare le differenze che caratterizzano il territorio, le uve o la produzione di ognuno. Un vigneron del nord deve tener conto del suo collega del sud e viceversa, rispettando quel principio di tolleranza, più volte citato. La diversità è ricchezza dunque, ma anche la trasparenza ha un valore fondamentale. Il vigneron deve tenersi lontano più possibile da sostanze chimiche sia sulla pianta che durante la produzione, dicendo ciò che fa e facendo ciò che dice, come recita il manifesto.
Tutti d’accordo sull’autodefinirsi “artigiani del vino”, nella manualità e nell’attenzione rivolta ad ogni singolo prodotto. Ed il nuovo gergo del vigneron include anche il termine “co-produttore” per designare il consumatore finale. È infatti egli stesso che con l’acquisto fa sì che il prodotto si preservi e che non scompaia. Il “vino di plastica” è invece quello derivante dall’industria, un vino senza anima, che non ha nulla da raccontare. Altro aspetto fondamentale è il patrimonio paesaggistico, storico e di identità che il vigneron tutela con l’attenzione che rivolge al suolo e la propria azione bonificatrice, elemento fondamentale che meriterebbe maggior attenzione dai membri della Commissione Europea.
“Senza il vigneron non c’è futuro, né per l’industria, né per la vita e l’ uomo” queste le parole di Roberto Burdese (nella foto), presidente di Slow Food Italia nell’ultimo intervento che ha chiuso la manifestazione. “Non basta definire le proprietà organolettiche del vino, bisogna anche imparare ad identificare quelle culturali”.
Aspettative, attese ma anche grandi certezze negli occhi di chi ancora oggi guardando la terra nutre speranza. Certezza di volere un cambiamento, certezza che quando non si è da soli, si è più forti. Certezza che come ha auspicato Carlo Petrini, guru di Slow Food, la terza rivoluzione industriale parte dalla terra e dagli agricoltori.

Laura Di Trapani

 



 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search