Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Numero 145 del 24/12/2009

GLI SCENARI

Poca produzione ma molto trendy. Quali rischi per i vini siciliani più gettonati? La tracciabilità sull'uva ma anche...

Etna, è difficile
gestire il successo

Quando percorro l’autostrada Palermo-Catania e supero l’ultima galleria sotto Enna cerco subito con gli occhi l’Etna. Difficile non vederlo, tranne in rare giornate nuvolose. Il Vulcano è lì, maestoso, unico, a indicarci la forza della natura, a segnalarci che la Sicilia orientale è lì a portata di vista. E per un gourmet è difficile non pensare all’animata comunità di vignaioli che vive alle falde del vulcano e ai vini che negli ultimi anni hanno stregato i palati di mezzo mondo.

IN CANTINA

La Cantina Viticultori associati di Canicattì affinerà due etichette nella zolfatara di Taccia Caci di Aragona. L’enologo Guzzo: “Un ritorno nelle viscere della Sicilia in cui il vino sarà assolutamente a proprio agio, perché potrà crescere in condizioni naturali”

Il vino in miniera

Un’evoluzione particolare, in condizioni assolutamente naturali, e poi la storia e la cultura che prendono la forma di un esperimento sul vino. Il progetto è quello della Cantina Viticultori associati di Canicattì, nell’Agrigentino, che con il loro enologo Tonino Guzzo lancia l’idea di un vino affinato all’interno di una miniera, la zolfatara di Taccia Caci di Aragona in passato gestita dalla famiglia di Luigi Pirandello e in cui lo stesso autore ambientò la novella “Ciaula scopre la luna”.

L’ALLARME

In calo le quote di pescato, scese di un terzo in un anno. Sparma: “Se le quote annue verranno diminuite ulteriormente scomparirà un tipo di pesca tradizionale in Sicilia”

Sos tonno rosso

Cala la quota annua relativa alla cattura del tonno rosso. “Quest’anno – come fa sapere il direttore generale del dipartimento regionale Pesca, Gianmaria Sparma – si attesta a mille e novecento tonnellate contro le tremila dello scorso anno”. Un calo del quaranta per cento, dunque, frutto dell’ultimo vertice Iccat, Commissione Internazionale per la Conservazione del Tonno Atlantico,  ospitato dalla città di Recife, in Brasile.

IL BILANCIO

Calato il sipario sulla passerella dedicata alle produzioni vinicole siciliane a bacca rossa. A Vittoria e ad Acate in centinaia hanno degustato le molte etichette in vetrina. Parlano i protagonisti

Quando il Rosso
fa tendenza

"È sempre tutto positivo quando si parla di vino, di Cerasuolo di Vittoria, e soprattutto quando si parla di territorio". Ne è pienamente convinto Francesco Ferreri, presidente del Consorzio di Tutela del Cerasuolo Docg di Vittoria, che a pochi giorni dalla conclusione di "Rosso di Sicilia" traccia un bilancio della rassegna itinerante dedicata ai rossi siciliani che per tre giorni ha visto i centri storici di Vittoria ed Acate sotto i riflettori della stampa di settore.

IL BILANCIO/2

Casari e consumatori faccia a faccia a Ragusa in occasione della manifestazione organizzata dal Corfilac. Una piccola edizione dello storico Cheese Art. Licitra: “Abbiamo accettato la sfida che i ragazzi, produttori di latte, hanno intrapreso col mercato”

Notti in
bianco… latte

Per tre giorni, dal 18 al 20 dicembre scorsi, piazza Libertà a Ragusa si è trasformata in un vero e proprio villaggio del latte, ospitando laboratori del gusto e convegni. “Notti bianche… bianco latte!”, l’iniziativa organizzata dal Corfilac, il Consorzio di ricerca sulla filiera lattiero casearia, con il contributo della Regione Siciliana e dell’assessorato comunale allo Sviluppo economico di Ragusa.

IL CONSORZIO

Rischio di estinzione per la vacca tipica del Palermitano. Il presidente del Consorzio: "Ne restano 2 mila esemplari, stiamo portando avanti l´iter per ottenere la Dop"

Nera
come Cinisara

Verde pascolo, bianco latte, nero cinisara. È il colore della mucca tipica della Sicilia occidentale, del Palermitano in particolare. Si chiama cinisara da secoli pare, almeno da quando, intorno al 1200, venne redatto un atto fra la curia di Monreale e un feudo del territorio di Cinisi coltivato a pascolo e ricco di questi tipici bovini dell'ovest, mentre nella Sicilia orientale c'era la vacca Modicana. E oggi?

VINO & AFFARI

Mezzacorona, presente in Sicilia con Feudo Arancio e Villa Albius, tira le somme di un annata importante. L’ad Fabio Rizzoli: “Sbagliato abbassare troppo i prezzi, spero che la Doc unica porterà le varie aziende a posizionarsi sul mercato in modo da dare chiari segnali di qualità”

Sicilia,
avanti tutta

Abbiamo avviato un giro di interviste con alcuni nomi importanti del vino italiano che hanno anche radici in Sicilia. A rispondere alla prima di queste interviste è Fabio Rizzoli (nella foto), ad di Mezzacorona, colosso del vino presente in Sicilia con Feudo Arancio a Sambuca in provincia di Agrigento e Villa Albius ad Acate, in provincia di Ragusa. Ecco l’intervista.

LA NOMINA

Il dirigente dell’assessorato all’Agricoltura è il nuovo presidente del Consorzio di Siracusa. “Puntiamo ad allargare la Doc ad altre tipologie”

Taglia
sul Moscato

I sette attuali produttori del Moscato di Siracusa Doc, già prima della recente nascita del Consorzio che li riunisce, hanno richiesto al ministero delle Politiche agricole la modifica del disciplinare relativo alla denominazione di origine. Praticamente si punta ad ottenere una Doc Siracusa che, oltre allo storico Moscato, comprenda le tipologie Passito, Nero d’Avola, Syrah e i vini bianchi prodotti nel territorio del comune siracusano.

IL PRODOTTO

Il Consorzio ha richiesto il marchio di indicazione geografica protetta. Il marchio comprenderebbe le tipologie pizzuta, romana e fascionello

Mandorla di Avola,
sogno Igp

Il “Consorzio Mandorla Avola” confida sul marchio di Indicazione geografica protetta, per l’ottenimento del quale ha presentato la documentazione necessaria al ministero delle Politiche agricole.

I CORSI

Lezioni di cucina tradizionale siciliana al ristorante "La Botte 1962" di Monreale. Si comincia il 19 gennaio. Ecco come partecipare

Tutti ai fornelli

Sardine a beccafico, anelletti con ragout di castrato, caponata di melanzane, pasta con le sarde e panelle. Sono solo alcuni dei piatti tipici del menù del Gattopardo, preparazioni che fanno rivivere in tavola la  tradizione siciliana ed i sapori di un tempo.

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search