Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL PRODOTTO

Il Consorzio ha richiesto il marchio di indicazione geografica protetta. Il marchio comprenderebbe le tipologie pizzuta, romana e fascionello

Mandorla di Avola,
sogno Igp

Il “Consorzio Mandorla Avola” confida sul marchio di Indicazione geografica protetta, per l’ottenimento del quale ha presentato la documentazione necessaria al ministero delle Politiche agricole.


Nelle intenzioni del consorzio, l’Igp oltre a valorizzare ulteriormente un prodotto tipico potrebbe costituire un deterrente nei confronti della concorrenza sleale e dei sempre più ricorrenti casi di contraffazione.
Di sicuro il mercato italiano da anni è invaso in particolare dalle mandorle californiane, spesso di qualità scadente ma commercializzate a prezzi molto concorrenziali grazie ai bassi costi di produzione. La pasta reale, la frutta martorana, i torroni, i mustazzoli e tante altre specialità della pasticceria siciliana sono a base di mandorla. Si tratta quindi di tutelare in modo più efficace varietà autoctone tradizionali che offrono frutti profumati, dolci, aromatici che nulla hanno a che spartire con le mandorle d’importazione.La richiesta per l’Igp “Mandorla Avola” comprende le tipologie pizzuta, romana e fascionello storicamente coltivate nella zona sud orientale della Sicilia, innanzitutto nei comuni di Avola, Noto, Rosolini e Canicattini Bagni.
E se la varietà pizzuta è famosa per i confetti, la romana per le sue caratteristiche organolettiche meglio ancora si presta ad essere utilizzata in pasticceria per impasti e trasformati. A sostenerlo è anche il presidio della “Mandorla romana del Val di Noto” promosso da Slow Food, che al momento coinvolge con buoni risultati alcuni piccoli coltivatori del territorio di Noto.
Come per tutti i presidi Slow Food e la rete delle “Comunità del cibo di Terra Madre”, l’obiettivo è quello di garantire la giusta redditività ai contadini promuovendo produzioni ecosostenibili di buona qualità, la cui sopravvivenza non di rado è messa in pericolo da una globalizzazione indiscriminata.

Carmelo Maiorca

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search