Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 145 del 24/12/2009 il 23 Dicembre 2009
di Redazione

VINO & AFFARI

Mezzacorona, presente in Sicilia con Feudo Arancio e Villa Albius, tira le somme di un annata importante. L’ad Fabio Rizzoli: “Sbagliato abbassare troppo i prezzi, spero che la Doc unica porterà le varie aziende a posizionarsi sul mercato in modo da dare chiari segnali di qualità”

Sicilia,
avanti tutta

Abbiamo avviato un giro di interviste con alcuni nomi importanti del vino italiano che hanno anche radici in Sicilia. A rispondere alla prima di queste interviste è Fabio Rizzoli (nella foto), ad di Mezzacorona, colosso del vino presente in Sicilia con Feudo Arancio a Sambuca in provincia di Agrigento e Villa Albius ad Acate, in provincia di Ragusa. Ecco l’intervista.


Come si chiude il 2009 per Mezzacorona?
«Dal punto di vista aziendale devo esprimere la mia grande soddisfazione per un'annata molto importante di consolidamento e di rafforzamento del nostro gruppo a livello nazionale ed internazionale. Prova ne siano i numerosi riconoscimenti ottenuti, tra i quali mi piace citarne uno, quello di "Cantina Europea dell'anno", ricevuto dopo una dura selezione dalla rivista americana "Wine Enthusiast", una delle riviste internazionali più importanti e seguite. Il nostro gruppo anche nel 2009 ha avuto un andamento positivo, esaltante per certi versi, proprio in considerazione dell'annata particolarmente pesante vissuta da tutto il settore e siamo divenuti ormai un'impresa che è anche una bandiera per il nostro Paese. In termini di volume d'affari, devo dire che non abbiamo ancora chiuso i bilanci ma vediamo una stabilità nel fatturato che è un risultato ottimo data la situazione del settore vitivinicolo e dell'economia italiana e internazionale in generale, ma certo il settore deve avere la forza invertire la rotta perché il trend degli ultimi due anni ed in particolare del 2009 non può certo portare lontano: serve una svolta decisa».

E gli investimenti in Sicilia? Quali risultati stanno portando?
«Anche il prodotto Sicilia ha segnato il passo, le vendite che hanno fatto segnare un +5% è un risultato buono ma che ancora non esprime appieno gli investimenti e la spinta esercitati dall'azienda per questo prodotto. In Sicilia il Gruppo Mezzacorona ha finalmente portato a termine i piani di investimento sia in campagna con oltre 700 ettari di vigneti in piena produzione, sia a livello di strutture enologiche con cantine in piena efficienza, nel mentre ci apprestiamo a razionalizzare sempre più quella che è la rete distributiva del prodotto Sicilia a livello mondiale. Vorrei però aggiungere qualcosa».

Prego.
«La crisi del vino ha portato parecchie aziende ad abbassare i prezzi a livelli infimi con il rischio di compromettere quel "progetto qualità" che avevo visto come linea strategica assunta dalla Sicilia. Spero a questo proposito che la tutela della Doc Sicilia porterà le varie aziende a posizionarsi sul mercato in modo da dare chiari segnali al consumatore dell'orientamento futuro della Sicilia. Mi sembra di poter dire che la qualità garantita da prezzi esorbitanti di qualche bottiglia o da prezzi eccessivamente bassi siano strade che il mercato mondiale del vino nella realtà di questi giorni ha severamente punito».

È vero che le bollicine sono in grande espansione nei mercati. Sarà un vino del futuro?
«Ritengo sia esclusivamente un parere sul mercato nazionale e che riguarda solo molto marginalmente la Sicilia. I grandi aumenti di vendite sono reali ma riguardano il Prosecco, perciò un prodotto ed una zona ben definiti in Italia. Il resto delle bollicine sono in leggera crescita ma non costituiscono senz'altro un fenomeno da sottolineare».

Agata Polizzi


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search