Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 197 del 23/12/2010
di Redazione

CONSUMI

Iniziativa lanciata a Roma dalla Federpesca che ha dato vita al primo network della ristorazione per accorciare la filiera: un menu completo a 20 euro

Pesce fresco
a basso costo

Mangiare in città pesce fresco e garantito dai pescatori a 20 euro, dall'antipasto al dolce vino compreso.

È l'iniziativa lanciata a Roma dalla Federpesca che ha dato vita al primo network della ristorazione per accorciare quella filiera che erode redditività a chi va in mare e toglie troppo spesso il piacere di gustare un buon pesce.
«La pesca italiana» è il nome del circuito «di qualità e non low cost» tiene a precisare la federazione confindustriale, pronto a debuttare in grandi città del Centro-Nord, a partire da Roma e Milano. Sono banditi prodotti di importazione a favore di specie nostrane, dalle pi comuni a quelle meno conosciute; il tutto improntato nella semplicità di locali gestiti direttamente da chi il pesce lo produce, soprattutto dalle nuove generazioni, figli e nipoti di pescatori, più interessati al 'lavorare’ il pesce dietro al banco di un ristorante che ad andare per mare.
«È un modo per diversificare un'attività che rischia di sgretolarsi, mantenendo allo stesso tempo la cultura del mare che connota il nostro Paese», spiega il direttore generale di Federpesca, Luigi Giannini, che da diverso tempo pensava a questa iniziativa per contrastare la crisi in cui vive ormai da tempo il settore. Una rete che avrà vantaggi per il pescatore, il quale potrà valorizzare il proprio prodotto evitando pesanti passaggi di filiera (la differenza tra il prezzo alla produzione e al consumo, precisa Giannini, è di 2 a 20 volte); ma anche per il consumatore, visto che una famiglia di 4 persone per poter mangiare pesce al ristorante deve mettere in conto tra i 250 e i 300 euro. «Il nostro network non è un'alternativa alla ristorazione tradizionale - conclude Giannini - è uno spazio in più, semplice ed informale per incrementare i consumi di pesce che troppo spesso vengono tagliati per questione di budget».

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search