Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 197 del 23/12/2010 il 22 Dicembre 2010
di Redazione

LA NOVITA’/2

Il prodotto siciliano presto farà parte del paniere di prodotti di nicchia de `Le Trazzere del gusto´, la realtà imprenditoriale che promuove le eccellenze dell’Isola

Il grano
tiene duro

Anche il grano duro siciliano entrerà a far parte del paniere di prodotti di nicchia de `Le Trazzere del gusto´, la realtà imprenditoriale comparsa da poco sulla scena e che mira a dare spazio all´eccellenza made in Sicily.

Si tratta di grano duro come lo facevano i nostri nonni. E´ l´azienda agricola Terre Frumentarie di Raddusa, a Catania, a produrlo. "Oggi, - commenta il titolare, Giuseppe Li Rosi - le nostre aziende agricole sono dei centri di trasformazione di combustibili fossili in cibo. Ma il cibo non è una merce". Insomma la qualità di un buon pane, di una buona pasta, di un buon frumento "per quanto possa essere riconosciuta - prosegue Li Rosi - non ha valore se non può tramutarsi in buon cibo".
Da qui l´idea di tornare alle origini, alle modalità con cui i nostri avi producevano il grano accompagnati e coadiuvati dalle conoscenze e dalle tecniche moderne. L'azienda è condotta in agricoltura biologica. Il suo tratto distintivo è l'utilizzo di varietà di grano duro siciliane. Ovvero Margherito (anche Bidì), Timilía a reste bianche e nere, Senatore Cappelli, Farro lungo (anche Kamut), e il grano tenero Maiorca (mutico, autunnale e di media precocità). L'azienda inoltre ospita, dal 2004, un campo catalogo sperimentale di cinquemila metri quadrati, allestito e gestito dall´Istituto Sperimentale di
Granicoltura per la Sicilia di Caltagirone. "Qui vengono mantenute e osservate - spiega Li Rosi - da quaranta a cinquanta varietà di grani autoctoni, da duecentocinquanta accessioni, e alcuni grani moderni utilizzati come testimoni”. E conclude: “Si stava attenti che nelle stoppie non entrassero gli animali, io invece chiedo che vengano a pascolare da me, pur con le dovute accortezze".

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search