Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L’AZIENDA

Un bianco e un rosso, due nuovi vini per i fratelli Manfredi e Francesco, che si annunciano come due grandi chicche enologiche. Sempre con un occhio attento alla biodinamica

Guccione, esercizi di stile

Quanto ci si può spingere utilizzando la filosofia biodinamica nel campo enologico?

E’ la domanda che si è posto Francesco Guccione che ha dunque messo su, assieme al fratello Manfredi, un’azienda biodinamica nel territorio di Monreale. La risposta? Due nuovi vini, il Rosso Cerasa e lo Stralustro Cerasa. Due nuove etichette che sbarcheranno tra poco sul mercato. Il risultato “sembra buono”, commenta Guccione che giudica questi prodotti ‘esercitazioni di stile’. L’ultima parola però spetta ai consumatori.
Di certo c’è che i due nuovi vini rispettano in toto il metodo biodinamico. Dunque nessun uso di diserbanti, viticoltura biologica, vendemmia manuale in una o più fasi. “Il Rosso Cerasa – spiega Francesco – era il rosso che faceva mio nonno e che era chiamato da lui proprio così”. Nasce dall’unione di uve Perricone e Nerello Mascalese. “Il risultato è molto incoraggiante anche perché, secondo me, - prosegue Francesco - è il frutto delle caratteristiche migliori di entrambi i tipi di uva. E’ un vino che è pronto prima del Perricone grazie al Nerello Mascalese che gli conferisce quell’acidità tipica, ma nello stesso tempo è più duraturo e reggerà bene se ulteriormente affinato”. Si tratta di uve catarratto extralucido invece per lo Stralustro: “Un cataratto in purezza macerato sulle bucce quasi un mese. Nasce dalla voglia di imitare i vini friulani e sloveni, – svela Francesco - a mio parere molto piacevoli al gusto. Ciò che mi colpisce di questo bianco è il suo colore fortemente ambrato al quale fa da contraltare il gusto molto delicato”. Duemila e cinquecento le bottiglie di Rosso Cerasa prodotte e relative alla vendemmia del 2009, mille e duecento invece sono quelle dello Stralustro relativo alla vendemmia del 2008. “Altre duemila della vendemmia del 2009 si trovano ancora in affinamento”.

Sandra Pizzurro

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search