Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 48 del 14/02/2008 il 14 Febbraio 2008
di Emanuele Di Bella
    IL PERSONAGGIO/2


anna_bartolini.jpgAnna Bartolini, giornalista ed esperta nel campo delle sofisticazioni e frodi alimentari, mette in guardia i consumatori. “La prima pietanza a salire sul banco degli imputati è la carne”

Occhio all’etichetta

“Tornare alla tradizione e privilegiare i prodotti di cui è chiara la tracciabilità”. Sono due consigli per evitare le brutte sorprese a tavola che arrivano da Anna Bartolini, giornalista di “Mi manda Rai tre” e curatrice della rubrica “Il Salvaprezzi” sul Corriere della Sera.
Per anni presidente del Comitato a difesa dei consumatori, Anna Bertolini, è considerata un’esperta in campo sofisticazioni e frodi alimentari. L’abbiamo incontrata in occasione di una conferenza, organizzata dal Rotaract di Palermo sul tema, “Da Kennedy alla Class action , passando per l’Europa”. A lei abbiamo chiesto quali sono i pericoli che ogni giorno rischiamo di incontrare sulle nostre tavole e cosa possiamo fare per evitarli.
La prima pietanza a salire sul banco degli imputati è la carne. “Importiamo un’infinità di carne dai paesi dell’America Latina – mette in guardia la giornalista -, in particolare dal Brasile. Nei casi più gravi si tratta di carne non sicura. Altre volte entra a far parte di produzioni contraddistinte dal marchio Dop o Igp come la Bresaola della Valtellina, una produzione che per disciplinare di produzione deve essere realizzata con carne italiana. I consorzi in questi casi dovrebbero ritirare le certificazioni”.
Il rischio di ricorrere a produzioni straniere da utilizzare nel nostro mercato si presenta anche per altri cibi. “Anche il miele della Val di Susa rischia di perdere la sua tipicità. Nell’ultimo anno c’è stato un alto tasso di mortalità delle api. Noi che eravamo ottimi produttori rischiamo oggi di diventare importatori”.
Sempre in tema carne la Bertolini consiglia: “È importante leggere con attenzione l’etichetta per evitare di mangiare cibo tutt’altro che sano”. A questo proposito ci ricorda i risultati di un’inchiesta realizzata in Francia che denuncia l’eccessivo utilizzo di additivi, addensanti e grassi negli hamburger e in alcuni prodotti surgelati.
Un altro pericolo arriva dai cibi per bambini. “Un ‘inchiesta sul settimanale il Salvagente ha dimostrato come nei brodi, nei dolci nelle bevande consumate dai bambini ci siano moltissimi coloranti e additivi chimici sbagliati. L’uso è legale, ma una quantità eccessiva può influenzare la salute e a volte anche il comportamento dei più piccoli”.
Infine parliamo di vino “Il vino è vivo, si tratta di una alimento che respira, e che deve stare nel vetro con tappi di sughero. Evitiamo il vino in cartone o quanto meno cerchiamo di acquistarlo da un agricoltore che conosciamo molto bene, oppure affidiamoci a una marca nota che ad oggi non è sta messa sotto sequestro. Diffidare dei vini che costano pochissimo – continua -. Un vino che parte da uve pregiate, che ha dei costi di lavorazione, di imbottigliamento, di etichettatura non può costare le cifre che spesso si trovano sul mercato. Meglio bere meno e bere meglio”.
“Grazie alla normativa europea – conclude la giornalista - esistono prodotti con etichettatura che indicano esattamente da dove arrivano. Rifiutate di comprare prodotti sconosciuti. Non comprate cose anonime. Ci sono troppe importazioni. L’Italia produce ed esporta cibo genuino, perché ricorrere ad altri paesi. Privilegiate la produzione regionale, tornate alla tradizione. Ma soprattutto tenete sempre un occhio sulla tracciabilità del prodotto”.



Ciro Frisco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Donato De Leonardis

Don Alfonso San Barbato

Lavello (Pz)

3) Faraona ripiena con il suo filetto tartufato e verza

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search