Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 50 del 28/02/2008 il 28 Febbraio2008
    L’INTERVISTA

sushi_tavoletta.jpgQuali i pericoli del mangiare pesce crudo? Ne abbiamo parlato con Stefano D’Amelio, docente di Parassitologia alla Sapienza. “Nei mari italiani attenzione a nasello, sciabola, sauro e alici”

Attenti al sushi

Tonno, salmone, sarde, polpo, piovra gamberetti, sono solo alcune delle varietà di pesce utilizzate per preparare il sushi, il sashimi e la tempura, cibi che ormai spopolano nei ristoranti.
La moda del pesce crudo ci ha letteralmente invaso, i nuovi locali di tendenza non si possono dire tali se al loro interno non hanno un sushi bar, in cui è possibile gustare il tradizionale piatto giapponese. Ma quali sono le insidie che si nascondono in questo piatto tipico della cultura nipponica? Quali i pericoli del mangiare pesce crudo? Ne abbiamo a parlato con il professore Stefano D’Amelio, docente di Parassitologia del Dipartimento di Scienze di Sanità Pubblica della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Roma “La Sapienza”.
“Uno dei rischi possibili – spiega il professore - è rappresentato dall’anisakidosi, una parassitosi che può colpire l’uomo, causata dalle larve di un verme appartenente alla famiglia delle Anisakidae, si tratta di vermi tondi (nematodi) che si annidano nella cavità viscerale e, più raramente, nella muscolatura dei pesci. La larva, una volta ingerita, può invadere la mucosa gastrica o intestinale e provocare dolori addominali, nausea, vomito e febbre. Una volta penetrata nella mucosa, inoltre, può causare un’ulcerazione”.
“L’anisakidosi – continua Stendano D’Amelio - è diffusa soprattutto in Giappone dove è molto alto il consumo di pesce crudo. Ma alcuni casi si sono riscontrati anche in Italia, dove ne sono stati accertati circa trenta. Esistono alcune precauzioni che mettono al sicuro dal rischio di contrarre questa malattia – spiega D’Amelio -. La prima è sicuramente quella di cuocere le pietanza: una cottura a di 20 minuti a 70 gradi, dovrebbe essere in grado di uccidere il parassita. Un metodo che ovviamente non può essere utilizzato da chi ama il pesce crudo. In questo caso – aggiunge -, la Food and Drug Administration, l’organismo che in America disciplina le regole in materia di sicurezza alimentare, ha chiarito che un congelamento a - 20 gradi per circa 7 giorni, uccide la larva. Il congelamento, però, non previene dai rischi di un’allergia, che può portare dalla semplice orticaria fino al rischio più grave dello shock anafilattico”.
“Per prevenire i rischi di una Anisakidosi - conclude D’Amelio - occorre fare attenzione a quelle specie che sono più parassitate. Nei mari italiani in particolare sono il nasello, la sciabola, il suro e le alici, ma anche altre specie sono risultate parassitate. Inoltre è importante assicurarsi della serietà del luogo dove si va a consumare il pesce, che utilizzi prodotti, eviscerati precocemente, non parassitati e preferibilmente congelati”.



Ciro Frisco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search