Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Numero 100 del 12/02/2009

VIVERE DI VINO

Il delegato dell'Ais siciliana: "Inutile realizzare buoni prodotti se poi non lo si dice a nessuno. È importante quanto la qualità"

Privitera:
"Il futuro del vino
è nella comunicazione"

Da otto anni è a capo dei sommelier siciliani anche se sta pensando che il terzo mandato da delegato dell'Ais regionale sarebbe forse troppo. «Non sono vecchio ma non si può occupare per sempre la stessa poltrona» dice Camillo Privitera, 48 anni, enotecario di Acireale.

L'INCHIESTA

Il fungo basilisco è in via di estinzione ma per salvarlo c'è chi prova a coltivarlo nelle serre. Lo studioso: è ricco di vitamine e sali minerali. Nei ristoranti viene servito sia cotto che crudo

L'oro delle Madonie


La caccia all'oro delle Madonie inizia ad aprile. Si conclude il mese dopo. Un lasso di tempo molto ristretto per raccogliere il fungo basilisco. Quello originale, che secondo gli studiosi cresce spontaneamente solo in Sicilia, è un prodotto tanto raro quanto pregiato.

EDITORIAL

An appeal to the new president of the United States: "We would like you to add a note on nutrition to your agenda, and explain to your fellow Americans that they need to eat less but better."

Letter to Obama

by Fabrizio Carrera

Dear Mr. President,
We have been following you with bated breath for months on TV, via internet, and in the newspapers. Emotions were flying high that last 4th November - it was the middle of the night here in Italy - while watching America, a country which never ceases to surprise us, give you its support to govern your Country.
You have been called to give answers in times of immense difficulty: the identity of the very model of Western life is floundering, the Middle - Eastern time bomb continues to tick, the threat of terrorism is by no means lessened, the energy issue goes unresolved, the future of our environment is strongly at risk, and then over the last few months, as if all of this was not enough, we have seen the collapse of the financial and credit system which rocks even our most intimate feelings of security, our very way of living.
We are writing to you from Europe, Italy, a small region which is known as Sicily; an island in the middle of the Mediterranean, suspended between Africa and Europe, as big as the State of Maryland, where we publish an on-line magazine which talks of food and wine, of the little pleasures in life, of a life-style which makes us feel good, both within and in the company of others. An ambitious objective, you might say,  but by no means impossible.
We write to you because you are now the driving force of the country with the greatest influence in the world over how we lead our lives. Therefore, we would like you to add another note to your agenda - amongst the already many things to do - a note on nutrition regarding the relationship between Americans and food.  We often think about your country which has made its relationship with food one of the most significant paradoxes of our times: a rich and overfed nation in a world where an ever increasing number of people are  dying of malnutrition.
In this letter we are simply asking you to spend a fraction of your time explaining to the Americans that they need to eat less and better; that a correct diet does not necessarily translate into neglecting pleasure and that it will lead to wellbeing. Explain that one's life-style is the basis for viewing life with more optimism and less greed. Perhaps even address this issue using the same solemn tone of voice that you use to talk to the nation on seemingly more serious issues. 30% of your co-nationals suffer from obesity, eating anything and everything.
There is a waste of resources and energy that no one can allow itself, not even the most powerful country in the world. We are not interested in finding out why you are in favour of GMO, even if we nurture strong doubts and are concerned about biodiversity. We do not like knowing that every food item consumed by an American has travelled an average  - an average, take note - of 1,274 kilometers . too many; neither are we cheered by the knowledge that a good part of the territory of Illinois, the State from which you originate, is used to produce bio-fuels such as ethanol from corn.
However, we are glad to know that you enjoy good food (we gather that among your favorite restaurants in Chicago there is an Italian one and we are proud of that) and we would like to think that the President of the United States of America will do something for a return to the earth which is a fundamental step towards a more livable world. There would be advantages for everybody; both for the USA and its economy and also for Europe, to be sure. And we are asking you Mr. President, because we appreciate your open ambition to chase after a better world.
By using the table around which we sit every day as a starting point, we believe that anything can be achieved. That portion of food which permits us to live, and carry on, has an immense symbolic strength; as do, we feel, your words, gestures and what you will be doing over the next four years in the White House.
It will not take much. It will not be necessary to propose new laws to Congress or cause an upheaval in your already busy agenda. All that is needed is a word during a press conference, a televised message to your people saying that we are what we eat; that sitting around the table should be a personal pleasure as well as for those living with us; that if we eat better and less we can even save; that ours is the society of waste; that eating in front of the television is a bad habit. Asking the President of the United States to speak about food may seem like heresy. But just try, Mr. President. Life is too short to eat badly. And you who is teaching us just how important it is to grasp the moment should not forget it.

 

(traslated by Deborah Halliday)

 

L'EDITORIALE

Appello al nuovo presidente degli Stati Uniti: "Nella sua agenda inserisca anche l'alimentazione e dica agli americani che bisogna mangiare meno e meglio"

Lettera a Obama

di Fabrizio Carrera

Caro signor presidente,
La seguiamo ormai da mesi tra tv, siti internet e tanti, tanti, giornali. Ci siamo appassionati il 4 novembre scorso (era notte in Italia) nel vedere come l'America, un Paese che non finisce mai di sorprenderci, le ha dato un grande sostegno con cui oggi può governare il suo Paese.

IL BANDO/2

Pubblicati gli elenchi dei 102 professionisti che saranno inviati nelle aziende con l'obiettivo di valorizzare i territori

Cantine sociali,
arrivano
i tecnici
della Regione

Il piano era stato presentato al Vinitaly dalla regione adesso, dopo l'approvazione del bando, è stato presentato anche l'elenco degli agronomi che daranno una mano alle aziende sociali per la valorizzazione dei prodotti e del territorio.

LA NOVITÀ

Aprirà i battenti tra un mese "Officina Gastronomica", un resort con tre aree di ristorazione e otto camere nel cuore di Trapani, nato da un'idea dello chef Peppe Giuffrè

Quando il cibo
è relax

Immaginate una villa antica nel cuore di Trapani ed unite l´ingegno e la creatività di un grande chef. Nasce da un´idea di Peppe Giuffrè (nella foto) "Officina Gastronomica" un luogo di ricercato relax, estro e buon gusto, dove l´innovazione respira l´aria di casa e il sapore della tavola ritrova le sue origini nella semplicità.

L'INIZIATIVA

Un progetto per l'affinamento del formaggio. L'idea di Teresa e Gino Armetta vedrà protagonista il produttore marchigiano Vittorio Beltrami

Se il pecorino
diventa
un'opera d'arte

Il formaggio della Sicilia, in tutte le sue forme, è uno straordinario frutto d'arte. E come ogni opera d'artista, rappresenta un patrimonio che merita tutela, e proprio in Teresa e Gino Armetta ha trovato appassionati mecenati.

LA GAFFE

Quando il cibo incontra la politica. L'esponente israeliano sorpreso in un ristorante ad una cena non kosher. E scoppia la polemica per un piatto di ostriche

Le ostriche
di Netanyahu

Attenzione a quei molluschi. La religione è un fatto serio. Però esagerare non fa mai bene. Lo sa Benjamin (Bibi) Netanyahu sorpreso qualche sera fa in compagnia della moglie a sgusciare un gamberetto in un ristorante di Gerusalemme.

L'AZIENDA

Il bilancio 2008 dell'azienda, che possiede anche mille ettari di vigneti in Sicilia, parla di un export più che positivo, soprattutto verso gli Usa

Mezzacorona,
occhio all'estero
contro la crisi

Un occhio all'estero, soprattutto agli Stati Uniti, per sconfiggere la crisi che ha colpito anche il settore vitivinicolo.E' la strategia adottata dal Gruppo Mezzacorona che per il secondo anno consecutivo ha approvato il bilancio consolidato di gruppo, seguendo le norme di International accounting systems, e ponendosi da questo punto di vista come primo esempio assoluto in Italia per la cooperazione agricola.

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search