Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 101 del 19/02/2009 il 18 Febbraio 2009
di Redazione

Le due anime della Docg

Le due anime della Docg

Forse non tutti sanno che di Cerasuolo di Vittoria se ne possono trovare due tipi. Entrambi possono vantare la Docg ciò che li differenzia è l'invecchiamento, oltre alla zona di produzione. Il Cerasuolo Classico segue le regole del primo disciplinare che risale al 1973 e va affinato per diciotto mesi dunque, come si legge nello stesso disciplinare: "L'immissione al consumo non potrà avvenire prima del 31 marzo del secondo anno successivo alla vendemmia". Per il Cerasuolo "normale" basteranno otto mesi di invecchiamento: "Deve essere immesso al consumo non prima del primo giugno dell'anno successivo alla vendemmia". Sempre al documento del '73 si deve far riferimento per individuare le zone di produzione del Classico, ovvero nei territori di: Acate, Comiso, Vittoria, Chiaramonte Gulfi.
Con riferimento al disciplinare differenti sono anche le caratteristiche dei due Cerasuoli. L'uno ("normale") avrà colore da rosso ciliegia a violaceo; odore: da floreale a fruttato; sapore: secco, pieno, morbido, armonico; una gradazione minima di tredici gradi; un'acidità minima di 5g/l. Il Cerasuolo di Vittoria Classico dovrà mostrarsi rosso ciliegia tendente al granato al colore; con profumi di ciliegia, che nei vini invecchiati può tendere anche a note sensoriali di prugna secca, cioccolato, cuoio, tabacco; un sapore: secco, pieno, morbido, armonico; stessa gradazione alcolica e acidità del fratello.
Il Cerasuolo dovrà contenere fra il 50 e il 70 per cento di Nero d'Avola e dal 30 al 50 percento di Frappato. I vigneti iscritti alla Docg, nel 2008, hanno coperto una superficie totale di 350 ettari sulle tre province di Ragusa, Catania e Caltanissetta.


 

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search