Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 151 del 04/02/2010 il 03 Febbraio 2010
di Redazione

L'EDITORIALE

A far visita in cantina si finisce tra barrique e silos. Pochissime volte tra le piante e sulla terra. Un errore da matita blu

Prima di tutto
il vigneto

di Fabrizio Carrera

Mi capita di visitare decine e decine di cantine in un anno. E ogni volta scopro cose nuove: terreni, paesaggi, persone, vigneti, tecnologie enologiche. Insomma di tutto. E di più. Tuttavia ormai tendo a dividere i produttori in due grandi categorie: quelli che quando vai a trovarli ti fanno visitare la cantina, le botti, la sala degustazione, la catena di imbottigliamento; e quelli che quando arrivi, prima di ogni cosa ti prendono quasi per mano per portarti sul vigneto.

A sporcarsi mani e scarpe di terra, ad accarezzare la pianta o il suo grappolo (se è già spuntato). Lo fanno in pochi perché si pensa che il vigneto sia l’aspetto più scontato. Addirittura qualcuno neanche ci pensa a far visitare il vigneto. Sbagliato. Errore da matita blu.
Da queste considerazioni avete capito che preferisco i secondi. Che sono la minoranza, un’esigua minoranza. Non me ne vogliano gli altri. Ma questo per me non è un aspetto secondario. Non si tratta di romanticismo. C’è sostanza nel gesto di accompagnare il visitatore prima di tutto nel vigneto. Perché - è indubbio - il vigneto è il cuore produttivo di tutta l’azienda, discende tutto da lì. È inutile tentare di dare altre spiegazioni. Ed è inutile dare ruoli più importanti agli strumenti e alla tecnologia.
Dal vigneto poi si capiscono tantissime cose: l’attenzione per le piccole cose, l’amore del produttore per il proprio lavoro e forse anche il vino che verrà. La sua identità. La sua tracciabilità, parola ormai tanto in voga. Insomma la visita al vigneto è importante. Molto di più di barrique e piccoli silos, di temperature controllate e linee di imbottigliamento. Ecco perché mi piace farmi accompagnare in mezzo alle vigne a guardare il colore della terra, a toccarne la pastosità, ad accarezzare piante e foglie. Poi, ma solo poi, ben venga tutto il resto.
Persino la degustazione potrà essere arricchita dalla visita sul vigneto e anche il vino assumerà a chi lo beve una connotazione completa. Il mio augurio è che questo sia uno spunto di riflessione per tutti. Per dare massima dignità al vigneto e alla materia prima - l’uva - da cui nasce questo splendido prodotto che si chiama vino. Il vigneto, dunque. Prima di tutto.
p. s. Immagino che adesso ogni qual volta varcherò l’ingresso di una cantina non avrò neanche il tempo di salutare i proprietari ché subito verrò accompagnato nel vigneto. Accetto l’invito. Ma spero che diventi per tutti un gesto naturale. E, ovviamente, c’è spazio per discuterne.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search