Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL PROVVEDIMENTO

Via libera della Regione dopo le richieste di Cia e Coldiretti. L'assessore Bufardeci: "Così vogliamo far fronte alle difficoltà del mondo della vitivinicoltura"

In Sicilia l'aiuto
disaccoppiato

Era da mesi in discussione, poi alla fine l'aiuto disaccoppiato, fortemente voluto da Cia e Coldiretti per alleviare il profondo stato di disagio dei viticoltori siciliani, è arrivato sulla pista di decollo.

"Abbiamo preso questa decisione - ha dichiarato l'Assessore regionale alle risorse agricole e alimentari, Titti Bufardeci - proprio per fare fronte alle difficoltà del mondo della vitivinicoltura. Il regime di aiuto potrà decollare dal 2011 e disporrà di una dotazione finanziaria di circa 40 milioni di euro". Ora l'amministrazione regionale siciliana chiederà al ministero per le Politiche agricole l'attivazione del provvedimento e quest'ultimo, a sua volta, dovrà girare la richiesta alla Commissione UE. L'aiuto disaccoppiato viene erogato direttamente non sulla base della produzione bensì sulla superficie coltivata a vite dall'agricoltore. Essendo la dotazione finanziaria di 40 milioni di euro e considerando che la superficie vitata interessata all'aiuto sarebbe di 110.000 ettari, il contributo è calcolato in poco più di 360 euro ad ettaro. In Sicilia l'estensione media di un'azienda vitivinicola è pari a 1,7 ettari e ciò vuol dire che l'aiuto porterà nelle casse aziendali circa 500,00 euro. Maggiore sarà la superficie, maggiore sarà l'introito. Inizialmente il provvedimento doveva entrare in vigore a partire dal 2012, poi negli ultimi giorni è maturata la decisione in considerazione della crisi della vitivinicoltura regionale.
Infatti i prezzi del vino sfuso che ancora oggi rappresentano il 76% del totale produttivo regionale, a fronte del 24% confezionato (Fonte: Indagine 2007 D'Agostino Irvv), sono in caduta libera tanto che oggi un bianco comune si può acquistare all'ingrosso al di sotto di 20 centesimi. L'agroalimentare siciliano ha subìto dal 2008 al 2009 una perdita in valore del 35%, superiore alla media del 25% registrata da Eurostat a livello nazionale. Recentemente il presidente della Regione Raffaele Lombardo aveva dichiarato: "Si incentivi pure la vendita dei frigoriferi, ma si sappia che il grano, l'olio, le arance, il vino e i pomodorini oggi vengono venduti sul mercato ad un prezzo che è la metà dei costi di produzione". Sempre a proposito della crisi dell'agricoltura siciliana, il presidente Lombardo e l'assessore Bufardeci hanno incontrato lo scorso 23 febbraio il sottosegretario Gianni Letta e il ministro per le politiche agricole Luca Zaia per rappresentare le difficoltà del settore e chiedere lo stato di crisi. Per effetto dell'impiego di buona parte della dotazione finanziaria per l'aiuto disaccoppiato, la quota destinata sia all'incentivazione per la vendemmia verde che i fondi per la distillazione sarebbe eliminata mentre rimarrebbero i 5 milioni di euro destinati alla promozione. 

A. G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search