Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA FOTO DI GIOVANNI FRANCO

Il noto quartiere newyorkese è oggi sempre più frequentato da turisti che si fermano anche a mangiare in ristoranti tipici

Harlem,
non solo patatine per strada

Capita spesso qui per le strade di incontrare ragazzi seduti sui gradini a sgranocchiare patatine o a mangiare yogurt, come quelli nella foto.

Eccoci ad Harlem, un quartiere nella parte più a nord di Manhattan a New York City. Simbolo della cultura afroamericana adesso però in controtendenza. In base alle ultime rilevazioni, in Greater Harlem i residenti bianchi nell’ultimo anno hanno superato quelli neri, mentre sono dati in forte crescita gli ispanici, cresciuti del 27% dal 2000 ad oggi. Dagli Anni ’50 e ’70 sta velocemente cambiando fisionomia, come hanno rilevato gli urbanisti e gli studiosi di “antropologia newyorkese” intervistati dal New York Times.
Ancora fino al 2008 la popolazione di colore e quella bianca erano grosso modo in proporzioni analoghe: su dieci residenti ad Harlem, cinque erano bianchi, cinque erano neri. Dal 2009 la proporzione è cambiata: per la prima volta nell’ultimo mezzo secolo oggi su dieci residenti i neri sono quattro, i bianchi sei. Il censimento ha rilevato che i neri residenti nel quartiere nel 2008 erano 77 mila, e rappresentavano il 62% della popolazione. Ora la proporzione si è capovolta. «Ancora una volta Harlem si trova sospesa nel bel mezzo di una transizione cruciale» ha sottolineato lo storico Michael Henry Adams, studioso del quartiere.
Furono nella seconda metà del 1600 gli olandesi, che colonizzarono la zona, a fondare la cittadina di New Harleem in onore proprio di Harleem, città olandese. La zona venne ben presto coltivata ed comparve un discreto numero di fattorie. Per circa duecento anni Harlem fu sostanzialmente abitata da olandesi fino a che a metà dell'800 cominciarono ad arrivare numerosissimi coloni irlandesi, inglesi e tedeschi da New York che stava vedendo una incredibile espansione demografica. Attorno al 1880 il nuovissimo e, per l'epoca, avveneristico collegamento ferroviario con New York diede nuovo impulso allo sviluppo di Harlem, tanto da farlo divenire uno di quartieri più eleganti della città. Gruppi di afroamericani vivevano ad Harlem già dal 1880, ma nella prima parte del 1900, a causa della forte stagnazione economica, moltissimi di loro attratti da una vita migliore, cominciarono a trasferirsi dal sud del paese verso il nord e molti si fermavano ad Harlem anche grazie ad affitti estremamente bassi ed alla grande abbondanza di abitazioni. Il numero di afroamericani passò rapidamente da 83.000 a 203.000. La crisi del 29 poi rese il tasso di disoccupazione del quartiere vicino al 50% con conseguenze drammatiche. I bassissimi investimenti immobiliari che si possono contare nel quartiere tra il 1910 ed il 1990, oltre che ad una bassa cultura e reddito della popolazione hanno poi contribuito a degradare completamente il quartiere e ad attribuirgli la sua nomea. durante gli anni compresi tra il 1920 ed il il 1936 Harlem divenne la capitale mondiale del Jazz. Numerosissimi gli artisti di fama internzaionale, afroamericani e non, che calcavano queste strade. Da Louis Armstrong a Ella Fizgerald. Dagli anni 80 l'amministrazione comunale ha iniziato un impegnativo programma di ristrutturazione con l'intento di rendere l'intero quartiere meno degradato. Da capitale dell'america nera Harlem, così vicina a Central Park, è ambita dai bianchi. E' oggi e' sempre di piu' meta di turisti che si fermano anche a mangiare in ristoranti tipici come il Cotton Club 656 west 125th St. (Broadway & Riverside Church)  dove è possibile ascoltare musica jazz. O al Sylvia's 318 Lenox Ave.(126th St. & 127th St.), famoso per  il brunch domenicale accompagnato da canti soul.

Giovanni Franco


 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search