Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA PROVOCAZIONE

Palermo assediata da avvisi per happy hour e menu a basso costo. Segno dei tempi che privilegiano la quantità e basta. Ma per comunicare un ristorante o una trattoria di qualità serve ben altro

La pubblicità degli straccioni

di Gianfranco Marrone

Il grado di civiltà di un paese o di un popolo si misura anche nella pubblicità che produce: basta guardarsi intorno fra i cartelloni delle strade cittadine, sfogliare una rivista pubblicata in loco,

guardare un po’ di tv regionali, ed ecco emergere uno spaccato di quel che la gente del luogo pensa e desidera, dei beni che considera importanti ma soprattutto dei valori che vi attribuisce. La pubblicità dà motivi per gli acquisti, quelli che la gente considera degni d’attenzione. Osservandola, si capisce perché e per chi le persone organizzano la propria esistenza.
Girando in questi anni per Palermo, ci si accorge immediatamente che gli annunci e le affissioni parlano solo di convenienze economiche e low cost, ribassi e affaroni a prezzi imbattibili (e non solo nei periodi dei saldi). Nulla si dice della qualità dei prodotti e dei servizi, mai si parla di oggetti status symbol o di divertimento puro: tutto è incentrato sul risparmio. E così capiamo (se ce ne fosse bisogno) il grado di povertà diffusa, la disperazione di chi deve arrivare a fine mese, ma anche l’industriosità per tenersi su e poter competere con gli altri.
Fra queste pubblicità che, in tutti i sensi, chiameremo ‘critiche’, spiccano da un po’ tempo in qua quelle di ristoranti e trattorie d’ogni sorta, pizzerie e pub notturni, bar più o meno ‘lounge’ o ‘american’ (essendo sostanzialmente uguali, ci dev’essere un grafico che le fa per tutti a basso costo). Lo avrete notato: menu più o meno standard a quattro soldi, bevande comprese, con la promessa di una cena romantica o di una notte brava. Avranno cominciato le formule all inclusive dei viaggi organizzati e dei villaggi turistici. E l’usanza dell’happy hour, che di felice ha solo il nome, avrà contribuito non poco per corroborare quest’andazzo. (Per contrasto, il fatto che per mangiare e bere bene, a Palermo, occorra svenarsi è il segnale rovesciato della medesima situazione).
La prima osservazione da fare è che sono cambiati i costumi, il modo di vivere e di pensare il ristorante. I miei nonni, ma anche i miei genitori e persino la mia generazione sino a pochissimo tempo fa, mai ci saremmo sognati di andare a cena in un posto che si fa pubblicità. A parte il Gault-Millau di turno, la rilevanza di un ristoratore si costituisce per chiara fama, o se si vuole per passaparola: parlar dei propri menu e magnificarli in pubblica piazza non sta bene. Altri tempi, me ne rendo conto. Oggi si sbafa a quattro soldi, e occorre comunicarlo: punto e basta.
La seconda è che, se promozione dei ristoranti bisogna proprio fare, almeno si coltivi il buon gusto, si stimoli la capacità di apprezzare cibi e vini, di valorizzare le materie prime e la sapienza dello chef nel cucinarle, i prodotti del terroir mescolati con quelli che provengono da terre lontane, oppure riproposti in veste nuova. E così via. Ma questo contrasterebbe col triste andazzo economico di cui sopra, per cui – è il caso di dirlo – occorre ingoiare il boccone amaro.
Quel che proprio non possiamo accettare è l’estremizzazione di tutto ciò, l’ironia a ogni costo, l’attrazione esagerata e fine a se stessa. Abbiamo visto pizze a forma di lunghe cosce femminili, bistecche col perizoma, mozzarelle polpose al posto di seni mal ricoperti: e tutta una lunga serie di piacevolezze da stadio che bassamente associano concupiscenza brancatiana e cibo basic. E non abbiamo detto nulla per non farci prendere per parrucconi.
Credo invece che occorra reagire con forza quando il cattivo gusto arriva a toccare il senso – universale e necessario – della morte. Un ristorante del centro città, peraltro abbastanza noto e apprezzato, da alcuni giorni si fa pubblicità mostrando la fotografia di un camposanto con tante croci bianche su un tappeto erboso, e lo slogan che recita: “Loro non hanno mai mangiato da noi… X (= nome del posto) ti allunga la vita!”. Qui di divertente non c’è assolutamente nulla. C’è solo la grossolana voglia di stupire andando a toccare i sentimenti più profondi delle persone. Le quali, se invece riescono a scherzare con i propri defunti, è perché hanno perduto l’anima. E non meritano prelibatezze o manicaretti. No, per cortesia, qualcuno lo vieti.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search