Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L’INTERVENTO/2

Il Marsala tra i simboli dell’Unità d’Italia? Diego Maggio: “Una buona idea che però rischia di essere plagiata da altri vini meno titolati ma più furbi”

Un suicidio eccellente

Riceviamo e pubblichiamo

di Diego Maggio *

Qualcuno si ricorda di Sagunto? Fu una similitudine – DUM ROMAE CONSULITUR, SAGUNTUM EXPUGNATUR  - adoperata dal cardinale Pappalardo in una coraggiosa omelìa funebre per l’ennesimo tremendo omicidio “eccellente” che aveva insanguinato questa terra di Sicilia.


Sta accadendo ugualmente, in questo occidente siciliano, per un’idea certamente buona e giusta  - quella del Marsala quale Vino dell’Unità d’Italia – che rischia però di essere plagiata da altri vini meno titolati ma più furbi: e ciò, a causa di una incomprensibile congiura del silenzio che l’ottuso “sistema” locale sta diffusamente imponendo, con l’obiettivo dell’ennesimo assurdo suicidio (che costituisce una nostra antica specialità e che ci vedrà ora surclassare da altre denominazioni d’origine più organizzate, intelligenti e solidali).
E così, dopo aver rinunciato ad un monumento vero ed esserci distinti per una regata falsa, assisteremo (con la contentezza dei masochisti?) all’ennesimo storico scippo della nostra stessa identità, rassegnandoci a credere pure noi che l’unificazione nazionale sia cominciata altrove 150 anni fa, che Garibaldi e i Mille non siano mai sbarcati qui, che il vino non lo abbiamo mai prodotto né commercializzato e faremo a meno di verificare se – in questo periodo di profonda crisi economica – questo irripetibile riconoscimento di “patrimonio dell’Italianità” avrebbe attirato una nuova attenzione dei consumatori verso il Marsala.

E tutto questo perché (forse) non si vuole fare emergere la paternità della proposta?!
Per riproporre una notoria (e anch’essa tragica) similitudine, c’è il rischio che finisca come a quel marito il quale, per fare un dispetto alla moglie… Sarà poi strano se certi pesci, in piazza Loggia, ce li appenderanno di nuovo? 

* presidente dell’associazione volontaria di tutela e promozione Paladini dei vini di Sicilia


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search