Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

"E dell'Igt cosa ne facciamo?"

"Non si tratta di una semplice perplessità. Io non sono assolutamente d'accordo". Dino Taschetta, presidente della Cantina sociale Colomba Bianca di Mazara del Vallo (Trapani), non va per il sottile: "La Doc Sicilia non mi interessa, non sottoscriverò un accordo del genere, se dovesse passare sono pronto alle dimissioni".
Taschetta fa un'analisi che parte dal raffronto con le denominazioni d'origine già presenti in Sicilia: "Le altre Doc hanno portato tali benefici da farne una che accomuni tutti? Forse fa eccezione l'Etna dove, ammetto, sono stati bravi. Per il resto, però, non ho visto ricadute positive". L'imprenditore trapanese si guarda alle spalle e vede il lavoro già portato avanti: "La Regione - aggiunge - ha investito milioni per il rinnovamento dei vigneti. Noi abbiamo lavorato su circa 1.500 ettari, centinai di milioni di euro di investimento su risorse umane e sulla Igt Sicilia. In questi anni credo di avere dato un grosso contribuito chiudendo accordi con aziende in tutto il mondo facendo girare il nome Sicilia ovunque. Se nascesse la Doc unica a chi potrò vendere l'Igt Sicilia visto che non si potrà più imbottigliare fuori dall'Isola. Ho una struttura pronta a mettere in bottiglia tutto questo vino?".
Insomma, secondo Taschetta i vantaggi devono essere per la maggior parte dei produttori: "So di avere una posizione impopolare - aggiunge -. Questa proposta la considero un modo per tagliare le gambe a tanti produttori di vino, ma fin quando sarò presidente non potrò avallare questa scelta".
Uno spiraglio, però, sembra esserci: "Sarei d'accordo - conclude il numero uno della Cantina sociale di Mazara - solo se venisse meno l'obbligo di imbottigliamento nel territorio. La mia controproposta? Facciamo una cosa intelligente: registriamo il marchio Sicilia in tutto il mondo, come è stato fatto per lo Champagne e lasciamo stare la Doc unica".
 

M.V.

"E dell'Igt cosa ne facciamo?"

"Non si tratta di una semplice perplessità. Io non sono assolutamente d'accordo". Dino Taschetta, presidente della Cantina sociale Colomba Bianca di Mazara del Vallo (Trapani), non va per il sottile: "La Doc Sicilia non mi interessa, non sottoscriverò un accordo del genere, se dovesse passare sono pronto alle dimissioni".
Taschetta fa un'analisi che parte dal raffronto con le denominazioni d'origine già presenti in Sicilia: "Le altre Doc hanno portato tali benefici da farne una che accomuni tutti? Forse fa eccezione l'Etna dove, ammetto, sono stati bravi. Per il resto, però, non ho visto ricadute positive". L'imprenditore trapanese si guarda alle spalle e vede il lavoro già portato avanti: "La Regione - aggiunge - ha investito milioni per il rinnovamento dei vigneti. Noi abbiamo lavorato su circa 1.500 ettari, centinai di milioni di euro di investimento su risorse umane e sulla Igt Sicilia. In questi anni credo di avere dato un grosso contribuito chiudendo accordi con aziende in tutto il mondo facendo girare il nome Sicilia ovunque. Se nascesse la Doc unica a chi potrò vendere l'Igt Sicilia visto che non si potrà più imbottigliare fuori dall'Isola. Ho una struttura pronta a mettere in bottiglia tutto questo vino?".
Insomma, secondo Taschetta i vantaggi devono essere per la maggior parte dei produttori: "So di avere una posizione impopolare - aggiunge -. Questa proposta la considero un modo per tagliare le gambe a tanti produttori di vino, ma fin quando sarò presidente non potrò avallare questa scelta".
Uno spiraglio, però, sembra esserci: "Sarei d'accordo - conclude il numero uno della Cantina sociale di Mazara - solo se venisse meno l'obbligo di imbottigliamento nel territorio. La mia controproposta? Facciamo una cosa intelligente: registriamo il marchio Sicilia in tutto il mondo, come è stato fatto per lo Champagne e lasciamo stare la Doc unica".
 

M.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search