Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

LA CURIOSITÀ

Dalla passione di un farmacista di Favignana per l'arte speziale, nasce un amaro che sorprende. Nella bottiglia anche i profumi del cappero e del rosmarino

L'erborista
delle Egadi



Qual è il punto d'incontro tra l'arte speziale e l'enogastronomia? Quella che vi raccontiamo è una storia d'amore d'altri tempi, quella di uno speziale e l'isola di Favignana, di fronte alle coste trapanesi, la cui nutrita flora è il cuore del racconto.

Seicento varietà diverse di piante e 91 erbe medicinali rappresentano un tesoro unico per chi vi lavora, ma anche una ricchezza che va condivisa con gli altri.
È così che Umberto Rizza, ultimo erede di una famiglia di speziali dal 1892, ma anche farmacista, ha cominciato a studiare le erbe medicinali, classificandole una per una per proprietà mediche ed organolettiche, producendo infine un prontuario medico che suggerisce anche in quale parte dell'isola trovarle. Il farmacista si offriva, inoltre, di accompagnare il visitatore alla ricerca delle preziose erbe organizzando passeggiate in giro per l'isola.
Ma un giorno, non soddisfatto del successo della pubblicazione e sempre più appassionato di quanto descriveva, lo speziale, che conosceva bene le caratteristiche aromatiche di ogni singola pianta, decise di raccoglierne i profumi e sigillarli dentro una bottiglia: il cuore di Favignana. Ecco come nasce "Dolce amaro, l'aroma delle Egadi", non il frutto di una storia d'amore romanzata ma un prodotto artigianale e tipico. Al suo interno 12 varietà diverse di erbe autoctone tra cui timo, menta, rosmarino, cappero, neppetella, santoreggia. Ognuna possiede una proprietà diversa, ognuna racconta una storia a cavallo tra sacro e profano.
In questo modo Rizza, non solo aveva racchiuso l'essenza dell'isola in una bottiglia, ma aveva fatto sì che il turista esperto, così come l' appassionato amatore potessero portarsi a casa un po' di quanto vissuto in quei giorni. "Ho iniziato a sperimentarne l'utilizzo in alcol da solo - racconta il Rizza, che ha sottoposto  il suo amaro all' enologo marsalese Nicola Centonze - ma non mi sono accontentato di un prodotto casalingo e così mi sono rivolto ad un professionista per perfezionarlo. Ho cercato di ammorbidire l'alcolicità dell'amaro - aggiunge - e di equilibrare l'aromaticità di ogni erba, cercando di farle esprimere al meglio tutte quante in un perfetto equilibrio gustolfattivo. Ne è nato un prodotto unico che sprigiona un arcipelago di profumi propri di Favignana".
Ma la vera novità è la lavorazione stessa, che prevede un'infusione idrica, una alcolica e infine viene addolcito con il miele di cardo mariano delle Egadi, prodotto della tradizione locale. "Normalmente si utilizza lo zucchero - rivela Rizza con una punta d'orgoglio - ma noi abbiamo preferito questa varietà di miele che conferisce una dolcezza equilibrata dall'amaro del cardo stesso, ed in più è un protettore epatico".
Che sia originale lo rivelano molti fattori, uno su tutti il colore ambrato, che prende le distanze dal tipico nero degli amari industriali. Dal mese di agosto si producono circa 1000 bottiglie di amaro delle Egadi, che si trova principalmente nei negozi dell'isola, ma già dal prossimo anno aumenterà la produzione nonché la commercializzazione di questo prodotto. "L'amaro delle Egadi va bevuto così com'è, magari a fine pasto ed abbinandolo ad una tavoletta di cioccolato fondente extra - suggerisce Centonze -, riscaldandolo tra le mani sprigiona tutti i suoi profumi".
E così, come nelle migliori storie, due mondi apparentemente lontani, l'enogastronomia e l'arte speziale, hanno trovato la propria sintesi ed il proprio punto d'incontro su un'isola del Mediterraneo, dentro una bottiglia.

 

Laura Di Trapani

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

3) Ravioli di riso alle erbe selvatiche su zuppa aromatizzata al cocco

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search