Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL RICONOSCIMENTO

Il pane di grano duro prodotto nel cuore della Sicilia sarà commercializzato con il marchio dall'1 luglio 2010. E adesso si punta in alto alla conquista di nuove fette di mercato

La Pagnotta
del Dittaino
conquista la Dop

Un lungo iter iniziato il 23 dicembre del 2002 con la presentazione della domanda per il riconoscimento della Dop. Alla fine anche Bruxelles ha riconosciuto l'unicità  della "Pagnotta del Dittaino" tant'è che la scorsa estate, a giugno, la Commissione Europea ha permesso a questo prodotto di alta qualità siciliano di essere iscritto nel registro delle Dop, Igp e Specialità Alimentari tutelate dall'Europa contro falsi ed imitazioni.


La Dop è stato un riconoscimento ben meritato dalla pagnotta dalla tradizionale forma rotonda, dai 500 ai 1100 grammi, prodotta con grano duro e lievito naturale, capace di mantenere inalterate, per 5 giorni, le caratteristiche sensoriali quali profumo, sapori e freschezza. La particolare consistenza della crosta, la mollica di colore giallo tenue con l'alveolatura a grana fine compatta ed uniforme, sono le caratteristiche principali che contraddistinguono dagli altri prodotti della stessa categoria questo tipo di pane la cui zona di produzione interessa, tra l'altro, i comuni di Agira, Aidone, Assoro, Calascibetta, Enna, Gagliano Castelferrato, Leonforte, Nicosia, Nissoria, Piazza Armerina, Regalbuto, Sperlinga, Valguarnera Caropepe, Villarosa in provincia di Enna, ed i comuni di Castel di Iudica, Raddusa, e Ramacca in provincia di Catania.
Le sue particolari note sensoriali sono strettamente correlate al grano duro utilizzato, il quale risente notevolmente delle caratteristiche morfologiche e pedoclimatiche del territorio in cui viene prodotto. In particolare viene impiegata una semola rimacinata di grano duro ottenuta dalle varietà Simeto, Duilio, Arcangelo, Mongibello, Colosseo e Ciccio.
Il recente riconoscimento Dop non conferma altro dunque che la straordinaria capacità di una regione, così come tra l'altro dichiarato tempo fa dallo stesso ministro Zaia, in grado di dar vita a prodotti d'eccellenza riconosciuti in tutto il mondo. Intanto il 30 dicembre scorso sono stati inviati al ministero delle Politiche Agricole i piani dei controlli che saranno eseguiti sul prodotto, la cui certificazione spetterà alla stazione di Granicoltura di Caltagirone. Si è pertanto adesso in attesa dell'approvazione di questi piani ma una cosa è certa: a partire dal primo luglio di quest'anno si potranno commercializzare in tutta Italia, e non solo, le prime pagnotte con il marchio Dop. Nel frattempo il comitato promotore della "Pagnotta del Dittaino Dop" è già al lavoro per definire quelli che saranno le vesti capaci di rendere distinguibile le pagnotte dagli altri prodotti simili. Così come spiega il suo presidente, il professore Biagio Pecorino: "C'è il logo, ma bisogna ora pensare alla grafica, ai colori, agli slogan che dovranno far veicolare un  messaggio chiaro e cioè la bontà  e l'unicità della Pagnotta del Dittaino". Intanto c'è già un appuntamento che attende questo prodotto: si tratta della prossima edizione del Sol di Verona, la manifestazione dedicata alle migliori produzioni olearie internazionali, che vedrà accanto ai prestigiosi oli siciliani proprio la Pagnotta del Dittaino in un connubio che di certo attirerà  l'attenzione dei visitatori.
Dunque promozione innanzitutto per l'antico pane siciliano, non solo per accrescerne la presenza nei punti vendita ma anche per rafforzare la posizione dell'Italia nella lista dei prodotti di eccellenza d'Europa.

G.B.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search