Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 201 del 20/01/2011 il 24 Gennaio 2011
di Redazione

Federdoc: “Ma l’Europa resterà leader”

Federdoc: “Ma l’Europa resterà leader”

«Che la Cina stia crescendo sul mercato del vino lo sappiamo già da qualche anno. Dopodichè starà ai produttori europei mantenere la leadership che oggi hanno, garantendo dei livelli qualitativi che gli altri dovranno continuare ad inseguire». Lo afferma Riccardo Ricci Curbastro, presidente di Federdoc, Confederazione dei consorzi per la tutela delle denominazioni dei vini italiani. «Oggi l'Australia è un concorrente importante - aggiunge Ricci Curbastro - ma siamo riusciti a tenere botta, sono convinto che terremo testa anche alla Cina» Sulla qualità del vino cinese, il presidente di Federdoc osserva che «in Cina si cono cose buone, meno buone e pessime. Il problema non è la qualità, che è fatta solo da caratteristiche organolettiche o analitiche, ma anche di quello che il mercato percepisce. Tutti sappiamo che un Brunello di Montalcino, un Barolo, un Chianti classico, un Franciacorta e un Prosecco hanno un percepito da parte del pubblico italiano ed estero diverso da altri vini che pure non sono meno buoni. Il consumatore recepisce particolari: comunicazione, territorio, salubrità, 'carbon footprint', ovvero la cosiddetta 'impronta ecologica’ per parlare di una cosa che ora va di moda. Ci sono insomma mille altri parametri che vanno a inserirsi sul concetto di buono e di qualità e questi fanno la differenza. Su questo la Cina deve fare ancora mola strada». Intanto Assoenelogi sottolinea come il vino italiano si stia affermando sempre più sul mercato cinese, parallelamente a forte aumento del consumo del vino in tutta l'area asiatica. L'export di vino italiano in Cina è cresciuto in volumi del 216,3% nel periodo gennaio-ottobre e del 102% in valore.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

4) Provola affumicata dessert

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search