Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 64 del 05/06/2008 il 04 Giugno 2008
di Emanuele Di Bella
    L’INIZIATIVA/2


Accordo tra l'istituto Zooprofilattico della Sicilia e i rappresentanti dei governi di Egitto, Libia e pesce64_hp.jpgTunisia: collaborazione su ricerca e metodi di controllo della pesca

L’unione
fa la qualità


Sottoscritto un protocollo tecnico scientifico tra l'istituto Zooprofilattico sperimentale della Sicilia, membro dell'osservatorio mediterraneo della pesca, e i rappresentanti dei governi di Egitto, Libia e Tunisia.
Esperienze tecniche, ricerca, metodi di controllo del pescato saranno alla base della collaborazione tra riela_andrea_64.jpgi paesi del Nord Africa e l'Italia. Il protocollo si inserirà, infatti, nell'accordo generale che il ministro alle Politiche Agricole, Luca Zaia, firmerà a breve con i rappresentanti dei governi africani. L'istituto siciliano, diretto da Andrea Riela, avrà il compito di fornire ai governi firmatari del protocollo supporto progettuale e di consulenza per migliorare le qualità igienico sanitarie del pescato e dei trasformati. «Abbiamo dato avvio a una collaborazione costruttiva sul controllo dei prodotti alimentari - ha detto Riela -, un confronto tra professionisti dei settori della sanità pubblica veterinaria e certificazioni di qualità». Alla momento della firma del protocollo erano presenti il ministro della Pesca egiziano, Ezzat Awwad Ibrahim, il suo collega tunisino, Abderrazak Daaloul, e il presidente della Camera di commercio libica, Mohamed Agil.
Il modello da esportare è quello del distretto produttivo della pesca di Mazara del Vallo. «Si parte dalla filiera della pesca - dice il presidente del distretto, Giovanni Tumbiolo - per arrivare alla cantieristica, alla produzione delle spugne, ai trasformati. Il Mediterraneo dovrà rappresentare un'area di condivisione per il raggiungimento di obiettivi scientifici e produttivi».
Oggi la Tunisia, con i suoi 1.300 chilometri di costa e i suoi 41 porti che impegnano circa 60mila pescatori, ha una produzione di pescato pari a 110mila tonnellate l'anno, di cui il 50% di pesce nobile, e un fatturato di circa 130 milioni di euro. Più del 18% della produzione va a finire nelle tavole di tutta Europa.



Salvo Ricco

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search