Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 117 del 11/06/2009 il 10 Giugno 2009
di Redazione

"Un mercato che sta rinascendo"

"Un mercato che sta rinascendo"

Nel 1943 il loro è stato il primo rosè imbottigliato in Italia. Non è difficile pensare, dunque, come possa essere stata accolta la notizia che il rosato poteva venir fuori da un mix di rosso e bianco in casa Leone de Castris, nel Salento, in Puglia.
"La proposta - spiega Nathalie Orsini, responsabile della comunicazione dell'azienda - ci ha sconvolti. Il rosato è la bandiera della nostra azienda". Il Five Roses, 90% Negroamaro, 10% di Malvasia Nera, porta il nome di una contrada nel feudo di Salice Salentino, "Cinque Rose" appunto, ma anche quella tradizione quasi leggenda legata al fatto che per intere generazioni ogni Leone de Castris ha avuto cinque figli. Fu sul finire della seconda guerra mondiale che il generale Charles Poletti, commissario per gli approvvigionamenti delle forza alleate, chiese una grossa fornitura di quel rosato. Italiano sì, ma dal nome americano. Così nacque il Five Roses, premiato con l'Oscar 2005, come miglior vino rosato italiano, mentre la versione 63° Anniversario annata 2006 è stato premiato con le Tre Rose (equivalente ai Tre Bicchieri) dal Gambero Rosso. Quello premiato, rispetto al Five Roses tradizionale, è diverso sia per gusto che per posizionamento di mercato, con il suo 80% di Negroamaro e 20 di Malvasia. Un prodotto, come lo descrive Piernicola Leone de Castris, capostipite della terza generazione degli imprenditori del vino salentini, "ancora più complesso, con una gradazione alcolica più alta".
Quello del rosato è un mercato non sempre apprezzato, però. "Ma sta rinascendo - continua Orsini -. È la storia della nostra azienda e del Salento. Quando viene assaggiato, anche da chi lo snobba, viene sempre apprezzato per la sua corposità e le sue caratteristiche".
Di Five Roses, nelle due tipologie, ne vengono prodotte 250 mila bottiglie l'anno che raggiungono per metà gli scaffali esteri: Europa, Usa, Canada, ma anche nel sud-est asiatico dove sembra abbia un buon successo.

M.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search