Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL DIBATTITO

Faccia a faccia fra privati e mondo della cooperazione. Verso una marcia indietro sull’ipotesi di una denominazione "allargata"

Doc Sicilia,
esplode la polemica"

La strada verso la Doc Sicilia? Tutt’altro che spianata. Non sembrano esserci certezze mentre mancano meno di cinquanta giorni a quel 31 luglio che incombe sulle diverse posizioni.

Se entro quella data, infatti, la Sicilia non formalizzerà le proprie richieste a Roma della Denominazione unica non se ne farà nulla, lo stesso vale se non sarà incassato il sì del 66 per cento dei produttori dell’Isola.
L’accordo che sembrava essere stato raggiunto tra mondo della cooperazione e aziende private è tutt’altro che ratificato. Il punto di coesione, il “compromesso” secondo qualcuno, prevedeva una Doc Sicilia allargata a chiunque ne facesse richiesta da Reggio Calabria ai produttori australiani o cileni. Una Doc che non tarpasse le ali alle cantine sociali che sulla vendita del vino sfuso basano la maggior parte del proprio business. Questa la posizione emersa nel corso di una riunione, venerdì pomeriggio, nell’auditorium del Museo Civico di Gibellina, un faccia a faccia fra cantine sociali (presenti fra gli altri Dino Taschetta della Colomba Bianca e Nino Inzirillo dell’Alto Belìce), privati (tra cui Giacomo e Antonio Rallo di Donnafugata, Diego Planeta presidente di Assovini), tecnici (col presidente di Assoenologi Carlo Ferracane), istituzioni (con il direttore dell’Istituto regionale della Vite e del Vino, Dario Cartabellotta e il dirigente dell’assessorato regionale Agricoltura, Giuseppe Bursi).
Una posizione che sembrava già concordata, sulla quale però alcuni dei presenti hanno espresso delle perplessità. “La Regione – ha detto Bursi – appoggerà i produttori, qualsiasi sia la loro scelta. Ma va sottolineato che la decisione di una Doc aperta a tutti va contro il principio che aveva ispirato la nascita della denominazione unica. Credo che la Sicilia del vino debba avere il coraggio di imparare a camminare con le proprie gambe, la Comunità europea ha messo e metterà ancora a disposizione dei contributi per la promozione. Questa potrebbe essere davvero l’ultima occasione per far cambiare volto a questa regione”. L’intervento ha sparigliato le carte e la posizione che ormai sembrava definita adesso dà l’impressione di vacillare. Planeta ha dettato i tempi: “Abbiamo meno di 50 giorni per scegliere la strada da intraprendere. È chiaro che Assovini vorrebbe una Doc Sicilia il più ristretta possibile ma pur di farla siamo disposti a qualsiasi cosa”. Giacomo Rallo, ha fatto riferimento alla “necessità di un consorzio di tutela forte”. Parla di “compromesso” Dino Taschetta: “Dopo il no deciso dei primi momenti, abbiamo deciso di tornare sui nostri passi. Ma va considerato che con una Doc unica avremo un milione di ettolitri di vino da imbottigliare, abbiamo la capacità di poter portare avanti questa sfida?”. Di compromessi, invece, non vuol sentir parlare Inzirillo: “A queste condizioni non raccolgo firme”.
Cartabellotta, appena insediato ma con l’esperienza della direzione dell’assessorato all’Agricoltura, ha detto di “essere pronto assistere la nascita della Doc ma che le scelte, ben ponderate, devono arrivare dal mondo della produzione”.

 

Marco Volpe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search