Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 117 del 11/06/2009 il 10 Giugno 2009
di Redazione

IL PROVVEDIMENTO

La Commissione europea rinuncia alla proposta per autorizzare la produzione del rosato, unendo bianco e rosso. La Cia: "Una vittoria italiana che garantisce sia le cantine che i consumatori"

Vino rosé,
no alla miscela

Il vino rosé rimarrà inalterato. La Commissione europea a Bruxelles ha infatti deciso di fare dietrofront e rinunciare alla sua proposta che puntava ad autorizzare in Europa la produzione del finto rosé frutto della miscela di vini da tavola bianchi e rossi e non della lunga e speciale vinificazione alla base del rosé tradizionale.


Soddisfatto il ministro per le Politiche agricole e alimentari, Luca Zaia, che accanto al collega francese si era lanciato nella battaglia insieme alle organizzazioni agricole, dalla Coldiretti alla Confagricoltura alla Cia. Insomma, gli europei potranno continuare a gustare il loro rosé tradizionale sostenendo un settore che rischiava di soccombere alla concorrenza di un prodotto a buon mercato "made in Ue".
Dovranno però fare attenzione all'etichetta in quanto il rosé miscelato importato potrà essere venduto in Europa. Ma per una battaglia vinta, molto rimane ancora da fare. L'Europa infatti continua ad autorizzare, anche se in misura minore, lo zuccheraggio dei vini europei del Centro e del Nord Europa, oltre a permettere l'aggiunta di trucioli di legno per dare al consumatore la falsa illusione che il vino é stato invecchiato in botti di rovere.
Si tratta di pratiche enologiche previste dalla riforma del settore nel 2006, o autorizzate in Europa per permettere ai vini dell'emisfero sud, o prodotti negli Usa di entrare liberamente in Europa.
Tra le nuove alchimie c'è anche il vino dealcolato che permette di eliminare parte dell'alcol naturalmente contenuto nel prodotto. I consumatori potranno però sempre contare sui vini italiani in cui è vietata l'aggiunta di zucchero oltre ad avere la certezza che per quelli a denominazione d'origine controllata una certa espressione fruttata, il colore intenso, l'aroma o la morbidezza saranno il frutto del tradizionale invecchiamento in 'barrique', e non per l'aggiunta di trucioli di quercia.
"Si tratta di una vittoria italiana ottenuta anche grazie al nostro pressing - afferma la Coldiretti -  che ha sollevato il problema nell'ambito del forum organizzato a Bruxelles sulle "trappole europee nella spesa degli italiani" dove si è fatto luce su una pratica che avrebbe consentito, senza indicazione obbligatoria in etichetta, di chiamare con lo stesso nome prodotti profondamente diversi: la semplice miscelazione di bianco e rosso rispetto alla tradizionale vinificazione in bianco delle uve rosse utilizzata in Italia, dove si contano oltre 700 etichette nazionali".
"Il metodo 'tradizionale' - afferma la Cia - sottintende, infatti, come pratica enologica un raffinato processo produttivo, ovvero una particolare e delicata vinificazione delle uve. Il fatto che le imprese che, secondo la iniziale proposta di Bruxelles, avrebbero scelto la via naturale per la produzione di rosato potevano volontariamente indicarlo in etichetta con la scritta 'vino rosato tradizionale', risultava del tutto insufficiente per tutelare il mercato dalla concorrenza sleale".

Elena Mancuso


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search