Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 118 del 18/06/2009 il 17 Giugno 2009
di Redazione

IL RETROSCENA

I vertici dell'Irvv siciliano spiegano la scelta del nuovo direttore. Che avrà un obiettivo: inserire l'ente nel circuito dei fondi Ue. E non solo...

"Ecco perché
abbiamo voluto
Cartabellotta"

Entro fine mese Dario Cartabellotta si insedia  ufficialmente all’Istituto regionale della Vite e del vino. Cartabellotta copre un vuoto che dura da più di un anno, tanto tempo è passato dalle dimissioni di Gianmaria Sparma.

Il nome dell’ex direttore dell’assessore siciliano all’Agricoltura è calato in un momento politico delicatissimo, vedi alla voce giunta Lombardo azzerata e spaccatura tra Mpa e buona aprte del Pdl con l’estromissione dell’Udc dal governo siciliano. Eppure il consiglio di amministrazione dell’Irvv che lo ha designato è riuscito nell’intento di portare Cartabellotta all’ente di via Libertà. In pochi ci scommettavano. Ora Cartabellotta tra i suoi obiettivi ne avrà uno primario: far entrare l’istituto Vite e vino nel circuito virtuoso di quegli enti che potranno beneficiare dei fondi comunitari. I presupposti non mancano, i settori fondamentali come promozione e sperimentazione potrebbero attingere a piene mani fra gli strumenti comunitari che destinano parecchie rirsorse alla Sicilia, regione che rientra ancora in quelle dell’Obiettivo convergenza. E Cartabellotta, questo non è un mistero, ha un’esperienza collaudatissima su questo versante.
Spiega il presidente dell’Irvv Leonardo Agueci: «Come consiglio di amministrazione abbiamo fatto una scelta mirata soprattutto al rilancio dell’Istituto alla luce anche del nuovo Ocm vino e alla strategia che vede il declino del sistema della distillazione. La scelta è caduta su Cartabellotta perché riteniamo che le sue capacità professionali e umane e la conoscenza del settore possano rappresentare un punto di riferimento importante per un moderno sistema di viticoltura regionale sempre più vicino al mondo dell’impresa e della cooperazione». Il vice presidente dell’Irvv Giancarlo Conte parla di Cartabellotta come di «un’occasione d’oro che la Regione ci ha offerto e che l’Irvv ha colto al volo. Un paletto fermo per rilanciare l’Irvv». E aggiunge: «Tra gli obiettivi c’è quello di qualificare l’Istituto come struttura attraverso nuovi regolamenti, la formazione, la promozione e la ricerca attingendo direttamente ai fondi strutturali europei 2007-2013. E poi speriamo che Cartabellotta porti un po' di aria nuova sul versante delle partecipazioni alle fiere dove c'è qualcosa di stantio, di superato». E infine, c'è da aspettarsi,  un impegno più diretto per aiutare la commercializzazione dei vini siciliani attraverso alcune iniziative mirate. Obiettivi ambiziosi, il tempo sarà galantuomo.

F. C.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search