Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 118 del 18/06/2009 il 22 Giugno 2009
di Redazione

L'EVENTO

E' un pesce povero del Trapanese che è stato rivalutato da uno chef per l'iniziativa Miglio Zero. Altri i prodotti ittici da sottrarre all'oblio: dalla sardina di Selinunte alla Triglia dello Stagnone

Riscoprire
lo zerro

Favorire il consumo di pesce sui mercati nazionali ed esteri e nello stesso tempo valorizzare il territorio trapanese in chiave turistica. Questi gli obiettivi del progetto della provincia di Trapani dal titolo “Miglio 0” che, presentato a Castellammare del Golfo, ha preso il via sabato a San Vito Lo Capo.

Qui alcuni ristoratori hanno fatto gustare i loro piatti preparati con ingredienti a “miglio 0”. Come gli spaghetti “cu ritunnu rattatu”, ovvero con lo zerro un pesce povero locale, preparati dallo chef Natale Amoroso dell’ittiturismo “La Tramontana”. «Istituzioni ed imprenditoria trovano un punto di contatto – ha detto Anna Maria Santangelo, dirigente del settore attività produttive della Provincia di Trapani – mirando allo sviluppo ed alla crescita del comparto ittico trapanese».
Un obiettivo che la provincia di Trapani sta perseguendo con costanza nell’ultimo anno: «Stiamo lavorando – spiega l’assessore provinciale alla Pesca e alle Politiche del mare, Nicolò Lisma – ad una serie di progetti che vanno dalla valorizzazione del pesce di prossimità a quello congelato a bordo. Sarà richiesto – continua l’assessore – il finanziamento, con la concertazione degli operatori dell’intera filiera ittica, considerando prioritario, il rapporto con i Distretti della Pesca». La triglia dello Stagnone, la sardina di Selinunte, il tonno di Favignana, il pesce azzurro di Castellammare del Golfo rappresentano degli “unicum” dal gusto inimitabile. «E’ il sogno del cuoco. – esordisce il testimonial del progetto, lo chef Peppe Giuffrè, noto in tutto il mondo ma le cui origini sono trapanesi – Vedere, e soprattutto gustare, la propria provincia a tavola: il made in Trapani. Qualcosa che sembrava prima essere molto lontana ed ora è invece possibile. Ne sono orgoglioso». Del resto questa attività di promozione del pesce locale «assume un valore economico importante - commenta Donatella Bianchi, volto di “Linea blu” – e nello stesso tempo avvicina le famiglie al consumo sano del pesce».

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search