Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 175 del 22/07/2010 il 25 Luglio 2010
di Redazione

L'ALLARME

Diventa un caso la coltivazione di mais geneticamente modificato in un campo del Friuli. La task force che si oppone lancia un appello al capo dello Stato mentre la Procura prende tempo

Ogm a Pordenone,
Sos a Napolitano

Mais geneticamente modificato è stato seminato illegalmente nel comune di Fanna, in provincia di Pordenone. Si rischia così la prima estesa contaminazione da Ogm in Italia. E mentre la procura di Pordenone prende un mese di tempo per portare avanti le analisi sui campioni prelevati dal terreno la Task Force per un’Italia libera da Ogm, di cui Slow Food Italia fa parte, ha deciso di appellarsi con una lettera inviata al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

“Siamo di fronte a un fatto gravissimo – dichiara Roberto Burdese presidente di Slow Food Italia -. Un agricoltore fuorilegge, che ha seminato mais transgenico, sta mettendo a rischio l’agricoltura del suo territorio. Si prospetta dunque un danno difficilmente quantificabile, e incredibilmente chi ha il dovere di agire, non ordina l’immediata distruzione dei campi Ogm”. I campi Ogm nella provincia di Pordenone, infatti, violano il Decreto Legislativo n.212 dell’aprile 2001, che prevede il rilascio di una specifica autorizzazione in assenza della quale è prevista la pena dell’arresto da sei mesi a tre anni o dell’ammenda fino a più di 51 mila euro. Disposizioni che mirano a garantire i prodotti tradizionali e biologici dalla contaminazione con quelli transgenici ed a evitare un danno all’ambiente. Dal 10 luglio un campo è stato identificato e posto sotto sequestro e sono stati prelevati dei campioni per verificare la presenza di mais Ogm. Questi test secondo Slow food richiedono tre giorni di tempo, “ma la Procura di Pordenone ha deciso – si legge in un loro comunicato - di non fare niente fino ai primi d’agosto, quando il polline si sarà ormai disperso”.
Intanto è già partita la lettera appello al Presidente Giorgio Napolitano: “Siamo costretti a chiederLe – scrivono gli aderenti alla Task Force - di intervenire con urgenza perché riteniamo che, a causa di una tardiva azione della Magistratura, stia per concretizzarsi sul territorio nazionale la minaccia di una contaminazione da piante transgeniche. Le chiediamo quindi, rispettosamente, di fare tutto quanto in Suo potere per segnalare alla procura di Pordenone di procedere immediatamente agli accertamenti del caso in modo da poter scongiurare ogni ipotesi di contaminazione da piante transgeniche”.

Piera Zagone


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Zaccardi

Pashà Ristorante

Conversano (Ba)

3) Animelle, fagiolini e tartufo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search