Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 11 del 31/05/2007 il 30 Maggio 2007
di Emanuele Di Bella
    LA CURIOSITÀ

ice_dress.jpgDal neoprene, utilizzato dai sub per le immersioni, nasce "Ice dress", un abito per i vini. Mantiene il caldo, il freddo, è antiurto e “avvolge la bottiglia come un vestito e come tale ha un suo valore estetico”

Una muta per i bianchi

Berreste mai un bicchiere di vino bianco alla temperatura di trenta gradi? Certamente no. Ecco perché d’estate, quando ci si trova al mare o in campagna senza un frigo o con uno con una capienza limitata, si rinuncia spesso a questo piacere. C’è qualcuno, però, che ha pensato di risolvere questo piccolo problema della quotidianità inventando un “vestito” per le bottiglie di vino che ne mantiene la temperatura costantemente fresca per circa sei ore.
ice_dress_1.jpgIce dress: ecco il nome del portentoso prodotto brevettato da una signora catanese trapiantata a Palermo (ma dopo aver vissuto 15 anni a Milano). Renata Scicali è stata insegnante di design nel capoluogo lombardo, ma anche appassionata di nuoto, di sub e viaggiatrice. Curiosamente tre attività diversissime tra loro che però hanno concorso parallelamente alla realizzazione di Ice dress.
«Mi trovavo a New York a Natale – racconta Renata Scicali – e notavo il disappunto della gente che comprava il vino che all’uscita del negozio, con la temperatura 30 gradi sotto lo zero, ghiacciava. Osservando questo fenomeno mi è venuta l’idea di creare un prodotto che risolvesse il problema». Ma le sue utilità sono numerose: è ottimo per il caldo e per il freddo, è antiurto (caratteristica utilissima sulle barche) e si può usare anche per… i biberon.
«Il materiale utilizzato per realizzare Ice dress, il neoprene, è lo stesso di quello usato per le mute da sub con qualche piccolo accorgimento: mentre le tute sono a cellule aperte e fanno traspirare la pelle, il nostro prodotto non traspira, per mantenere la temperatura costante».
Infine, il design. Scicali ha realizzato, infatti, un prodotto utile, ma anche ricco di charme. Una chiccheria. Ice dress avvolge la bottiglia come un vestito e come tale ha un suo valore estetico. È colorato, decorato, ha diverse linee. Fra l’altro, viene personalizzato e adattato alle richieste dei clienti. Così il logo del acquirente (una cantina o un ristorante, per esempio) sarà sempre ben in vista: «La parte alta arriva alla capsula della bottiglia, quindi si può versare il vino solo da un lato in modo che il logo rimane sempre ben evidente».
Scicali ha realizzato tre linee: una per cantine, ristoranti, wine bar ed enoteche, una di gadget e la terza come oggettistica e design. «Abbiamo anche realizzato una linea da collezione con pezzi a tiratura limitata», spiega Mrs Ice dress. Tra questi una dedicata ad Andy Warhol con la celeberrima sagoma di Marylin.
La Scicali è amministratore unico dell’azienda che vede nell’organigramma anche Giovanni Di Guardo (socio), Carmelo Monteverde (organizzazione), Danilo Parisi (immagine e grafica) e Gerardo Rossano (distribuzione). In un anno di vita l’azienda è riuscita a distribuire in Sicilia e in Italia, America, Inghilterra, Russia, Asia, Svezia. Circa cinquantamila pezzi in tutto. A Palermo viene venduto da Helg, Roccaforte e Hugony. Il prezzo al pubblico è di 21 euro.


Salvo Butera

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search