Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 11 del 31/05/2007 il 30 Maggio 2007
di Emanuele Di Bella
    IL PRODOTTO

La Vastedda co sammucu, tipica di Troina, viene preparata in coincidenza della fioritura del sambuco, ma è anche un piatto devozionale della religiosità popolare e inserita nel Festino di San Silvestro. Al suo interno tuma fresca, salame e pancetta soffritta

La focaccia di primavera

Posta in provincia di Enna, nell’estremità meridionale dei Nebrodi, in una zona ricca di boschi e di pascoli, Troina, oltre che per la storia millenaria, è conosciuta per le bellezze paesaggistiche, l’aria pura che vi si respira e per la gastronomia.
vastedda.jpgChi vi soggiorna può avere il piacere di gustare dei piatti unici, una cucina legata ancora a ambienti agro-pastorali: tra questi primeggia la “vastedda cu sammucu”, denominata anche “vastedda ‘nfigghiulata”, perché ricca di ingredienti (l’apporto calorico medio, per 100 grammi di prodotto, è stimato in circa 280 Kcal).
La Vastedda cu sammucu è una focaccia farcita con all’interno una mollica gialla, spugnosa e fragrante e una crosta leggermente croccante dal colore bruno. È composta nel suo interno da due strati di pasta separati da una ricca farcitura: tuma fresca, salame e pancetta soffritta. Il tutto cosparso abbondantemente con i bianchi e profumati fiori di sambuco impiegati per aromatizzare e insaporire la focaccia. Lo spessore non supera i 5-7 centimetri. La forma tradizionale è circolare ma si può presentare anche rettangolare. La “vastedda” è di esclusiva produzione troinese, al punto che gli abitanti dei paesi vicini pur conoscendola, non riescono quasi mai a cimentarsi nella preparazione.
Pur non essendo stata ritrovata una documentazione che ne attesti le origini, una cosa è certa: la focaccia, nel passato, è stata gustata anche da scrittori famosi. Nel 1908 il verista Federico De Roberto, in soggiorno a Troina presso amici, in una lettera inviata alla madre confidava di aver mangiato una “vastella imbottita, una sorta di focaccia…non molto leggiera – scriveva - ma che ho digerito benissimo”. Gli ingredienti, come già detto, sono semplici: farina di grano duro (semola), lievito naturale (“criscienti”) o di birra, acqua, sale, strutto (“saìmi”), latte e tantissime uova per l’impasto (circa 10 per un 1 chilo di farina); tuma fresca tagliata a fette, fette di salame (“ferlata”) e dadini di pancetta (“vintrìsca”) soffritta per la farcitura. Il tutto cosparso sia nell’impasto sia esternamente da abbondanti fiori di sambuco. L’impasto, eseguito in maniera energica, con un’attenta cottura nel forno a legna, sono fondamentali per la buona riuscita del prodotto.
Tradizionalmente la vastedda viene preparata in primavera, per la coincidenza della fioritura del sambuco, l'impiego di ingredienti propri della stagione, e in occasione della festa del santo patrono, san Silvestro Monaco, che si tiene ogni anno tra maggio e giugno, anche se non manca chi lo produce nel corso dell’anno utilizzando i fiori secchi di sambuco e ciò per l’alta richiesta del prodotto da parte di amanti di tale cucina. Attraverso una sagra gastronomica, ideata ed organizzata dalla “Pro Loco Troina”, la cui prima edizione risale al 1987, oggi la “vastedda” ha raggiunto la piena valorizzazione, avviandosi nella fase di tipicizzazione attirando su di sé l’attenzione anche da parte di Slow Food.


Gianna Bozzali

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search