Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL DIBATTITO

Pubblichiamo l'intervento sulla denominazione unica di Gaspare Triolo, produttore a Camporeale. “Sono d'accordo ma il rischio è promuovere anche vini di scarsa qualità”

“Doc Sicilia,
attenzione
al disciplinare”

di Gaspare Triolo *

Sulla Doc Sicilia, sono “Favorevole con riserva”, secondo la classificazione che fa Cronache di gusto. Sull'adozione della denominazione la mia riserva è da attribuire ad alcuni risvolti, ad oggi difficilmente prevedibili, che questa potrebbe avere sulla vitivinicoltura siciliana.
L'indiscusso vantaggio sarebbe quello di creare un brand unico, forte e che si promuove (quasi) da solo: Sicilia.
La mia azienda, per intenderci, ricade nel territorio di due Doc: Alcamo e Monreale. Eppure, i tre vini della mia azienda sono tutti Igt Sicilia. Questo perché poter scrivere “Sicilia” in etichetta, specialmente per una piccola e giovane realtà come la mia, assume una valenza nettamente superiore.
Con tutto il rispetto per le due Doc, infatti, non stiamo certo parlando di nomi "blasonati" come "Chianti" e "Barolo". Purtroppo, prima che le piccole denominazioni, quelle che definiscono un'area sicuramente di eccezionale valore enologico, ma poco o nulla conosciute nel mondo, assumano l'importanza che meritano, è necessaria un'azione promozionale mirata, che richiede comunque molto tempo e un impegno ancora maggiore.
Gli sforzi in tal senso, a mio parere, sono invece già stati fatti per il marchio Sicilia, da anni alacremente promosso dalla Regione e dalle aziende, non solo vitivinicole, nelle diverse manifestazioni di settore e sulla stampa. Oggi, per fortuna, il nome Sicilia non evoca più, nel consumatore, le annose problematiche legate alla criminalità organizzata, ma è anche e soprattutto sinonimo di qualità, genuinità e onestà dei suoi prodotti e dei suoi produttori.
Di contro, sempre più spesso, i consumatori tendono a sminuire i prodotti ad Igt, perché è ormai affermato in loro il concetto che Doc significhi garanzia di qualità. E questo, prescindendo dalla polemica sulla reale garanzia di qualità di una Doc, credo sia dovuto al fatto che col marchio Igt Sicilia si è, in effetti, imbottigliato un po' di tutto (e soprattutto ovunque) negli ultimi anni.
Non è infrequente, infatti, imbattersi in vini da uve Nero d'Avola o Grillo Igt Sicilia imbottigliati nelle più svariate località del Nord Italia. Questo, crea non poche perplessità nel consumatore, che non è tenuto a sapere che la normativa prevede la possibilità di imbottigliare fuori dai confini isolani vini prodotti da uve coltivate in Sicilia.
In questo senso, la Doc Sicilia si pone, a mio parere, come un valido strumento per superare tutti i limiti della IGT, con tre punti di forza:
- identifica con certezza la provenienza dei prodotti;
- utilizza un brand conosciuto in tutto il mondo;
- garantisce la qualità dei vini.
 
Su quest'ultimo punto, ossia sul concetto di qualità, rimango sempre dell'avviso che non sia una denominazione, piuttosto che un'altra, a fare la qualità di un vino, ma la passione e l'onestà di chi lo produce.
E' vero, c'è il rischio di uniformare le produzioni (da qui la mia riserva), ma non è quello che accade già oggi con l'Igt? Eppure, la stragrande maggioranza dei vini premiati nei vari concorsi è proprio ad Igt.
Tutto sommato, mi sento di poter affermare che i vantaggi siano superiori agli svantaggi: è necessario, però, che si faccia molta attenzione alla redazione del disciplinare, onde evitare di vanificare con prodotti di scarsa qualità il lavoro di promozione fatto in tutti questi anni.
 

* Terre di Gratia

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search