Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 1 del 22/03/2007 il 22 Marzo 2007
di Redazione

    IL PRODOTTO/1

melenzane1.jpgUn imprenditore ha creato una nuova varietà
di quest'ortaggio. "Ecco perché è più buona"

Rara come
una Perlina


Dal Ragusano la melenzana che fa impazzire gli chef
siciliani

Tutto, come spesso accade, nasce con un viaggio. Un viaggio e poi un'idea, la sperimentazione e alla fine un prodotto di enorme qualità: la melanzana "Perlina", figlia di un innesto tra una melanzana di tipo mini e un'antica razza locale della Sicilia orientale e la cui coltivazione, seppure ancora presente in orti sub-urbani, era tuttavia caduta praticamente in disuso.

rara.jpgDalla successiva selezione di questi incroci emerge la tipologia di melanzana baby poi nota come "Perlina". Il viaggio da cui nasce tutto è quello di Giovan Battista Capoccia, titolare del marchio "La Perla del Sud" (che commercializza la Perlina e che ha sede a Vittoria), nel Veronese sulle cui colline l'imprenditore nota coltivazioni di melanzana di dimensioni ridotte. Questa prima visione per lui è illuminante, al punto da avviarne la coltivazione nella propria azienda. Presto si mette in contatto con l' ufficio locale di assistenza tecnica di Vittoria dell'Ente di sviluppo agricolo per la Sicilia, un contatto dal quale apprende dell'esistenza, presso l'Istituto Sperimentale per l'Orticoltura di Pontecagnano Sezione di Monsampolo del Tronto, delle popolazioni di melanzana a frutto mini che sarebbe stato possibile provare.
Da qui gli innesti e l'approdo alla coltivazione in serra. Una scelta che si è rivelata azzeccata perché, superate le prime difficoltà, Perlina è stata presto accolta da diversi successi nell'ambito di mostre e convegni (compreso il Salone del gusto di Torino di Slow Food). Particolare apprezzamento ha ricevuto soprattutto nell'ambito della ristorazione d'élite. Basta leggere sul sito (www.laperladelsud.it) i commenti che arrivano da due chef che non hanno bisogno di presentazioni: "Dotata di un sapore delicato e di inaspettate qualità che riescono a coinvolgere tutti i sensi, la Perlina si presta ad arricchire qualsiasi tipo di portata dall'entrèe al dolce. Il pregio di avere una forma ridotta ma completa nel suo profilo cromatico permette efficaci soluzioni compositive", è il commento di Ciccio Sultano del Duomo di Ragusa. Andreas Zangerl, Casa Grugno di Taormina, spiega: "Della baby-melanzana non si butta via niente data che anche la buccia è commestibile e i semi sono scarsi e minuscoli. La sua resa culinaria è superiore a quella delle altre melanzane perché contiene meno acqua e ha la polpa più dolce e compatta. La perlina può essere condita con parsimonia e non richiede l'aggiunta di tanti ingredienti, e presenta un vantaggio dietetico perché non assorbe molto olio". E perché il successo vada avanti "La Perla del Sud" ha deciso di continuare l'attività di ricerca attraverso la collaborazione con l'Istituto sperimentale per l'Orticoltura di Pontecagnano.
Il colore più tendente al rosso rispetto a una normale melanzana, le sue piccole dimensioni (che si aggirano fra gli undici e i quindici centimetri), la forma affusolata sono le peculiarità morfologiche della Perlina, caratterizzata, però, soprattutto dal sapore delicato tanto che non è necessario spurgarla e può essere gustata anche cruda in insalata. Gli ortaggi vengono coltivati in serre, che si estendono su di una superficie di circa 30.000 metri quadrati. L'azienda si trova nella Sicilia Sud-Orientale, nel territorio di Vittoria, in provincia di Ragusa; le serre in cui vengono coltivati i prodotti si trovano in parte nel territorio di Ragusa, in parte in quello limitrofo di Santa Croce Camerina, dove avviene anche il confezionamento dei prodotti.

 

Marco Volpe


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search