Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

IL BILANCIO

L'enologo Riccardo Cotarella sui vini dell'Isola: "Si nota il passaggio da vini opulenti, di impatto, 'masticabili' a vini che tendono più alla raffinatezza"

"Meno muscoli
più eleganza"

"Mezza stella separa la vitivinicoltura siciliana dall'eccellenza". Così Riccardo Cotarella, tra i  più famosi wine maker d'Italia, ha spiegato il suo giudizio sulla vendemmia siciliana appena trascorsa. "Il mio voto - ha detto l'enologo concludendo la sesta edizione di 'Sicilia en primeur' a Noto - servirà da stimolo per la prossime vendemmie che, sono sicuro, saranno nel segno della qualità".


Dal palco della manifestazione organizzata da Assovini, Cotarella ha descritto la viticoltura dell'Isola: "In Sicilia si nota il passaggio da vini opulenti, di impatto, 'masticabili' a vini che tendono più all'eleganza. I bianchi degustati - è il giudizio di Cotarella - hanno dimostrato una mineralità che fino a qualche anno fa non si poteva attribuire ai bianchi di Sicilia. Bisogna vedere adesso quale sarà l'approccio con il legno. Sui rossi mi sono accorto di una sofferenza climatica per il Merlot. Il Nero d'Avola mi ha un po' sorpreso, ho notato un certo cambiamento di stile. Bello anche il matrimonio Frappato-Nero d'Avola mentre mi aspettavo di più dai vitigni internazionali". E ancora un giudizio sul territorio, base di partenza e obiettivo di ogni produzione vinicola: "La zona dell'Etna - ha detto - è più particolare di certe zone francesi, i vini fatti sul vulcano sono ancora meno imitabili di quelli francesi. Altra zona siciliana che amo è quella del Parco delle Madonie dove si può ammirare uno spettacolo quasi dolomitico. Ma non parlo solo di paesaggio ma dei risultati enologici che questi territori possono dare. E ancora l'Agrigentino, la massima espressione della riconoscibilità del suo Nero d'Avola".
Alla conferenza finale di Sicilia en primeur, ospitata al teatro Vittorio Emanuele di Noto, hanno partecipato anche il presidente di Assovini Sicilia, Diego Planeta, il presidente di Banca Nuova (main sponsor), Marino Breganze, l'assessore regionale all'Agricoltura, Giovanni La Via, il presidente dell'Istituto regionale Vite e vino, Leonardo Agueci, il sindaco di Noto, Corrado Valvo, il direttore del dipartimento promozione e internazionalizzazione dell'Istituto per il commercio estero, Marco Cimini.
«Dobbiamo trovare l'elemento che ci possa dare fama e notorietà sul mercato - ha spiegato La Via -. Per questo parliamo di Doc Sicilia, con il quale mettiamo sul piatto anche il nostro territorio, la nostra storia, le nostre tradizioni. È questo il valore aggiunto su cui dobbiamo puntare. La Doc è l'ombrello sotto il quale possiamo valorizzare le diversità».
Il tema di quest'anno è la Sicilia come continente del vino. D'accordo con questa affermazione Agueci. «Le differenze tra terroir e prodotti sono la nostra forza - ha spiegato -. Dobbiamo sempre più puntare sulla qualità, poche iniziative ma incisive. La Sicilia deve essere il punto di riferimento e l'espressione della mediterraneità della vite»
«Abbiamo sostenuto questa manifestazione fin dalla prima edizione, studiando anche prodotti ad hoc per le aziende vitivinicole - ha detto Breganze -. Siamo di certo in un momento di crisi, ma la Sicilia ne può uscire puntando sul turismo e sulle bellezze artistiche e le bontà gastronomiche come il vino».
Continua anche la collaborazione dell'Ice alla manifestazione: «Con la crisi i prodotti di livello possono soffrire ma non troppo - ha spiegato Cimini -. Stiamo lavorando soprattutto sui mercati della Svizzera, Canada e Polonia. Anche nel 2009 sosterremo le produzioni italiane con la stessa forza, puntando a difendere i mercati già acquisiti e contraendo un po' il nostro impegno sullo sviluppo di nuove piazze».
 

M.V.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search