Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 106 del 26/03/2009 il 25 Marzo2009

LA CURIOSITÀ

Sperimentati dai tecnici dell'assessorato regionale all'Agricoltura i frutti a "residuo zero". Gli esperti: "Proprio perché viene mangiata senza essere sbucciata, il consumatore da grande rilievo alle coltivazioni certificate e garantite"

Fragole perfette

In arrivo una fragola a "residuo zero". In Sicilia i tecnici dell'assessorato regionale all'Agricoltura hanno realizzato, infatti, dei campi per lo sviluppo e la promozione del vivaismo fragolicolo con la produzione di piante fresche e cime radicate, campi collaudo di liste varietali e prove di confronto tra geodisinfestanti chimici e solarizzazione per ridurre l'impatto ambientale ed ottenere un prodotto con assenza di residui chimici, sfruttando l'energia del sole.

Sulle orme della fragola a "residuo zero", i tecnici delle Unità operative (Uo) di Mazara del Vallo e Marsala (Trapani), Bronte (Catania), Brolo (Messina) e Sciacca (Agrigento) con il coordinamento scientifico di Fabio D'Anna, docente presso il dipartimento di Agronomia dell'Università di Palermo.
«Grazie alle particolari condizioni pedoclimatiche della zona e alle innovazioni di processo siamo riusciti ad ottenere un prodotto dalle buone caratteristiche qualitative e da un ampio calendario di commercializzazione», spiega Maria Luisa Palermo, dirigente dell'Uo di Mazara del Vallo a margine del settimo convegno nazionale della fragola, ospitato al complesso monumentale San Pietro di Marsala. «Questi elementi - prosegue l'esperta - adeguatamente valorizzati, possono essere dei punti di forza nei mercati nazionali ed esteri, anche nei Paesi produttori».
E proprio la fragolicoltura estera è stata sotto i riflettori nel corso della giornata in cui esperti provenienti da Spagna, Nord Europa, Florida, California e Cina hanno illustrato le attività di ricerca in corso nei propri Paesi e le novità varietali e vivaistiche. «Nel quinquennio 2005-2009, la superficie coltivata a fragola è mediamente aumentata di 149 ettari ogni  anno - spiega Quinci Winterbottom, Marketing and foundation manager della Sierra-Cascade Nursery in California - e ciò fa comprendere come l'interesse per questa coltura abbia portato a programmi di miglioramento genetico pubblici e privati grazie ai quali sono state ottenute cultivar promettenti attualmente in fase di studio». Ma anche dalla Sicilia si aprono nuovi orizzonti per la fragolina grazie al progetto Sicilberry. «Abbiamo applicato tecniche di propagazione comparative e trattamento con freddo del materiale vegetale, prove di copertura e di coltivazione fuori suolo al fine di ampliare il periodo d'offerta del prodotto», spiega Lara Giongo dello Iasma di San Michele all'Adige (Trento).
«L'obiettivo è quello di incentivare la diffusione della fragolina nelle aree vocate, incluso il parco dei Nebrodi», precisa Antonio Virzì, che ha seguito il progetto per conto dell'assessorato all'Agricoltura della Regione siciliana. A fare il punto sulle indicazioni della grande distribuzione organizzata è stato Claudio Gamberini della Conad. «La fragola è un frutto importante per la gdo ma è necessario precisare che, proprio perché viene mangiata senza essere sbucciata, il consumatore da grande rilievo alle coltivazioni certificate e garantite», precisa  l'esperto. «Negli ultimi anni i consumi si sono destagionalizzati ma in ogni caso il nostro consumatore è attento alla provenienza del prodotto e acquista con preferenza il prodotto nazionale».
 

Agata Polizzi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search