Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L'ANALISI

I dati dell'Osservatorio regionale presieduto da Sebastiano Torcivia: un milione e 400 mila bottiglie in meno soprattutto per colpa della peronospora e della contrazione di grandi aziende

Vino siciliano,
crolla il fatturato


Meno bottiglie prodotte e fatturato in netto calo. Il vino siciliano finisce ai raggi X ed emerge un quadro negativo. L'Osservatorio, presieduto da Sebastiano Torcivia, ordinario di Economia aziendale all'università di Palermo, ha censito 565 aziende e monitorato la quantità di vino siciliano confezionato dalle aziende siciliane e dalle non regionali che identificano con certezza la provenienza siciliana del vino imbottigliato e ha confrontato i risultati raggiunti dal settore con quelli del 2006.


Il risultato parla di un milione e 400 mila bottiglie in meno e un fatturato complessivo del settore che cala di 38 milioni di euro rispetto all'anno precedente. Colpa della peronospora, ma non solo. Anche la scomparsa di due grandi aziende e il ridimensionamento dell'imbottigliamento di altre due avrebbero contribuito a produrre i dati.
Viene fuori che il numero di bottiglie delle aziende regionali è di 160.440.187, a fronte dei 166.666.523 del 2006; se si aggiungono le 441.428 bottiglie di vino spumante e le 20.553.328 della produzione delle aziende non regionali si arriva a 181.464.943 pezzi, mentre nel 2006 erano stati 182.809.908. E sono le 28 aziende più grandi ad assorbire il 69,1% della produzione con 110.975.116 pezzi, nove milioni in meno rispetto all'anno precedente. Anche il fatturato complessivo del settore (aziende di ogni dimensione, distillerie, cooperative non imbottigliatrici) cala, passando da 730 milioni del 2006 a 692.031.548 euro del 2007.
Un risultato negativo, che non risente ancora della crisi economica mondiale subentrata nel 2008, ma che è causato principalmente dai danni della peronospora e dalla contrazione delle aziende grandi, che imbottigliano più di un milione di pezzi all'anno. "Sono queste aziende che perdono circa 11 milioni di fatturato per motivi vari - spiega Torcivia -. La causa principale è la mancanza di notizie della Bucca, che produceva un milione e 200 mila pezzi, e della Gattopardo della Venaria, azienda da due milioni di bottiglie. A questo si aggiunge il fatto che fino al 2006 la Fazio Wines aveva un contratto con la ditta veronese Pasqua per un milione di bottiglie, mentre adesso l'azienda veneta si imbottiglia da sé, e che la Hopps aveva chiuso un contratto con gli Stati Uniti, ma non più decollato. Malgrado questo, però, le grandi aziende perdono solo 600 mila euro di fatturato, lo 0,24% su 286 milioni. Un dato che indica una sostanziale tenuta". In calo anche il fatturato export della aziende grandi, pari a 96.241.231 euro, contro i 100.484.556 del 2006. Tuttavia il fatturato export complessivo raggiunge i 108 milioni, un livello del 50 per cento superiore al dato indicato dall'Istat.
 

C. d. G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Antonio Bufi

La Gattabuia

Matera

3) Barbabietola al cartoccio

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search