Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

L'AZIENDA

La Tenuta dei Fossi di Angelo Paternò a Noto. Prodotti realizzati nel rispetto dell'ambiente secondo antiche tradizioni. Tra qualche settimana arriva il nuovo bianco

Il pioniere
del Moscato secco

Un Moscato di Noto secco e prodotto nel rispetto dell'ambiente. La novità arriva dalla Tenuta dei Fossi, cantina aretusea già nota per gli aforismi nei tappi di sughero delle sue bottiglie. Fondatore della maison è Angelo Paternò, enologo con 25 anni di esperienza in alcune tra le case vinicole dell'Isola più note e più "produttive".

Nel 2001, per reagire al modo di interpretare l'enologia che aveva vissuto fino a quel momento, decide di creare un piccolo "mondo del vino" tutto suo, rivisitando i tradizionali metodi di produzione per ottenere vini "esuli da meccanicismi" o come ama definirli più frequentemente "non industriali".
Così decide di fare fermentare il mosto nei fossi - da qui il nome della tenuta - ovvero vasche di cemento che rappresentano un po' una rivisitazione degli antichi "dolium" di pietra, basando la sua produzione sui vitigni autoctoni. Nero d'Avola, Grecanico, Insolia e Moscato di Noto occupano infatti l'80% dei 60 ettari di superficie a vigneto. Nel restante 20% si trovano gli alloctoni Merlot, Chardonnay, Syrah, Viognier, Tannat, Semillon e Petit Manseng. La forma di allevamento è la spalliera, ma 5-6 ettari sono impiantati ad alberello proprio nel rispetto della sostenibilità produttiva. Il risultato è una vendemmia curata nei minimi dettagli e con una resa media di 70 quintali di uve per ettaro - per alcuni vigneti anche 50 - che quest'anno ha permesso di produrre oltre 150 mila bottiglie: 70 mila di Ruversa, un Eloro Pachino Doc; 50.000 di Sketta, un Grecanico Igt Sicilia; 10.000 di Amunì, un Insolia in purezza; 6.000 di Pioggia di Stelle, il Moscato di Noto Doc; 5.000 di Merlot; 5.000 di Syrah; 4.000 di Viognier e altrettanti di Chardonnay.
E dal prossimo mese arriverà anche il Moscato secco: la vendemmia 2008 infatti andrà in bottiglia intorno al 15-20 aprile e andrà subito in distribuzione. I 5.000 pezzi ottenuti, in enoteca avranno un prezzo che si aggirerà intorno a 12-13 euro "perché - spiega Paternò - deve essere un vino di qualità ma che possa avere un pubblico quanto più ampio possibile di 'amatori'".
Prodotto dal Moscato giallo che è il vitigno principe della zona di Noto, è un vino dai grandi profumi che spaziano dagli agrumi al miele. "È un prodotto accattivante proprio per permettere ai nuovi consumatori, soprattutto ai giovani, di avvicinarsi al mondo del vino", conclude il patron. Il nome dovrebbe essere Cuè, quasi a suggerire una domanda, ad esempio su cosa si troverà nel bicchiere. Ciò che è certo è che si tratta di un vino ottenuto nel rispetto della tradizione e "a risparmio energetico". La cantina è infatti realizzata interamente sullo stesso piano, non sottoterra, con vantaggi in termini di minori consumi di energia ascrivibili soprattutto all'assenza di impianti di sollevamento,  e coibentata sia nel tetto, realizzato con struttura autoportante in legno, sia nelle pareti.
Ma le novità non finiscono qui. In arrivo anche una bottaia e l'apertura di un punto vendita con sala degustazione. 

Annalisa Ricciardi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search