Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 207 del 03/03/2011 il 08 Marzo 2011
di Redazione

L'ANALISI

Il fondatore di Slow Food: importante l’ingresso di giovani nelle cantine. E da parte nostra l’attenzione al Centro-Sud

Petrini: "Il vino italiano
resiste alla crisi"

«In questo periodo di crisi l'enologia italiana ha saputo conquistare nuovi mercati e tenere alta la bandiera.

La cosa sorprendente è il ricambio generazionale, ci sono molti giovani con voglia di fare e grande capacità di intraprendere». Lo afferma il fondatore di Slow Food Carlo Petrini a margine della presentazione all'Open Colonna della versione elettronica in inglese per iphone, iPad e iPod touch della Guida «Slow Wine 2011». «In agricoltura - aggiunge Petrini - non ci sono ancora i margini di realizzo del vino; fare melanzane e patate è più dura anche perchè si continua a considerare il lavoro contadino esclusivamente rispetto alla merce, non rispetto al lavoro che fa il contadino per sua natura anche rispetto alla salvaguardia del territorio, il mantenimento del paesaggio e la cura del sistema idrogeologico. Tutte cose che nessuno gli paga». Petrini si sofferma sulla novità della guida 'Slow Wine’ che si è rivolta con un nuovo approccio al mondo del vino, puntando sulla conoscenza delle storie di uomini, vigne e vitigni che stanno dietro la tal bottiglia di vino. «In questa guida - dice Petrini - ci sono molte informazioni, sia sui sistemi di produzione, di cura del vigneto, di territorio sottostante, tutto quello, insomma, che chiede ogni consumatore. Ormai è l'ora dell'informazione, è finita l'era dei punteggi». «La cosa interessante - aggiunge Marco Bolasco, amministratore delegato di Slow Food editore - è che ci sono territori prima non rappresentati. L'idea di valutare le persone e il territorio insieme al gusto del bicchiere ha un po’ stravolto le classifiche, le categorie di una volta, di conseguenza molti territori del Centro-sud sono ben presenti, faccio l'esempio della Calabria da sempre snobbata e che sulla nostra guida dimostra di avere carte significative, o il Lazio, di cui pochi sanno che ha una varietà tale di vini che vanno dai vulcani viterbesi al mare di Terracina».


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search