Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 208 del 10/03/2011 il 09 Marzo 2011
di Redazione

IL PRODOTTO

Nessun ogm, solo il frutto di una normalissima ibridazione che ha portato alla produzione di una varietà utile per chi desidera fare un pieno di antiossidanti. La parola a un produttore della provincia di Ragusa

Il pomodoro si veste di nero

Se si vuole stupire qualcuno a tavola senza però dover ricorrere a grandi esperimenti in cucina, non c’è niente di meglio che preparare una semplice insalata di pomodori … ovviamente neri!

Al momento li conoscono in pochi ma di certo entrare in una serra e vedere tanti pomodori color melanzana fuori fa proprio un bell’effetto. Ve ne sono a Sampieri, nel Ragusano, dove circa tre anni fa alcuni giovani imprenditori hanno deciso di mettersi insieme e costituire una nuova società sementiera, la Suntime, puntando sulla ricerca e l’innovazione. “Il pomodoro nero – spiega Giuseppe Cardillo, agronomo e tecnico della Suntime - viene ottenuto utilizzando consueti programmi di miglioramento, mediante incrocio (ibridazione) quindi non si sta assolutamente parlando di Ogm: rappresenta una varietà di pomodoro Lycopersicon esculentum del tutto assimilabile alle altre varietà di pomodoro in commercio, l’unica differenza è rappresentata dal colore dovuto all’alta presenza sia di licopene (carotenoide responsabile del rosso intenso del pomodoro in genere) che della clorofilla (pigmento che dà il colore verde), la somma dei due pigmenti insieme ad altri pigmenti (antociani) conferisce la caratteristica colorazione tendente al nero. L’alto contenuto di licopene garantisce delle proprietà antiossidanti ai frutti e quindi delle caratteristiche antitumorali universalmente riconosciute”.
Insomma si potrebbe parlare di un vero e proprio elisir di giovinezza e del resto questa tipologia di pomodoro è nata proprio per poter fornire al consumatore un prodotto supernutriente. “L’origine del pomodoro nero non è recente – ci tiene però a precisare Cardillo - si parla di varietà già presenti in natura: l’uomo ne ha solo accentuato le caratteristiche desiderate, in questo caso il colore tendente al nero. Ci sono infatti in natura altre varietà di pomodoro con colori dal giallo, all’arancione sino al bianco ed il viola, l’uomo ha esaltato quelle caratteristiche che garantiscono l’attrazione del prodotto, la bontà e i benefici per la salute.

Inoltre, si parlava di pomodoro nero già prima della seconda guerra mondiale (chiamato Nero di Crimea); poi le esigenze di coltivazione e il mercato lo hanno fatto scomparire (un tempo era poco produttivo e la durata in post-raccolta era molto breve 2-3 giorni). Oggi la tipologia è ricomparsa perché si sono migliorate le caratteristiche organolettiche e commerciali”. Per quanto riguarda i mercati in cui questo pomodoro viene piazzato troviamo in testa quelli del nord Europa, dove la gente sembra essere molto più attenta all’aspetto salutistico del cibo e perché è disponibile a pagare prezzi medi più alti. “Le richieste in Italia sono ancora basse ma in crescita – dichiara infine Cardillo - il motivo principale è legato al prezzo ancora alto. Il nostro obiettivo è quello di diffondere soprattutto il Sacher F1(il cui nome è stato scelto perché il colore e la dolcezza del suo frutto vogliono ricordare il famosissimo dolce Viennese) mantenendolo però come articolo di nicchia: pensiamo che se si vuole garantire il giusto reddito al produttore bisogna evitare di coltivare la varietà in massa. La nostra intenzione è quella sì di innovare ma anche quella di dare una spinta positiva all’agricoltura migliorandone i redditi oggi troppo bassi”.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search