Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 209 del 17/03/2011 il 21 Marzo 2011
di Redazione

ASSAGGI E PERSONAGGI

E’ una tipologia di vino snobbata. Attenti, perché alcune etichette sono sorprendenti. Come quella di Ceci dalla spuma mai esagerata ma...

Il Lambrusco
dell’azienda Ariola


Marcello Ceci e le sue bottiglie

di Luca Gardini

Bisogna salvaguardare e valorizzare il lambrusco, soprattutto adesso. Siamo in un periodo in cui questa tipologia di vino è snobbata.

Ma il lambrusco è un vino unico nel suo genere e nel suo stile. Può essere più o meno carico, più o meno persistente, ma è un vino che fa parte della tradizione vitivinicola italiana e dell’Emilia in particolare, la zona dove si produce. Per fortuna c'è chi come Marcello Ceci, a mio avviso, non solo produce lambrusco ma lo fa con tutto quel rispetto e quell'amore rispecchiando perfettamente i sapori della tradizione e del territorio. Quando lo conobbi mi raccontò: "Ho imparato a fare il lambrusco da mio nonno. Lui diceva: 'un buon lambrusco deve essere dolce ma non troppo, dolciastro e di bassa gradazione alcolica'".
Ed il lambrusco dell'azienda Ariola è di una qualità eccellente. I suoi vigneti si estendono sulle colline che si affacciano sulla pianura padana fra i duecento ed i trecento metri sul livello del mare. Siamo infatti in provincia di Parma, a Calicella di Pilastro per la precisione.


Una foto aerea dell'azienda

Qui Marcello, assieme al suo socio, mandano avanti la loro cantina con tanta umiltà alla quale fa da contraltare tanta determinazione. E' la compattezza a distinguere il loro lambrusco prima di tutto. E poi quel colore tra il viola ed il porpora, la sua effervescenza moderata, quella spuma non esagerata ma elegante. All'odorato è un tripudio di fiori e frutti, dalle ciliegie sino ad arrivare alla maggiorana ed alla menta. L'elevata mineralità e ruvidità lo rendono infine ancora più piacevole al palato. Il lambrusco di Ceci si presta così benissimo come aperitivo, oppure lo si può utilizzare per accompagnare dei salumi o dei primi di pesce. Insomma è un lambrusco molto versatile e nemmeno troppo costoso. Il prezzo di una bottiglia si aggira tra i venti ed i venticinque euro. Un consiglio? Per assaporarlo al meglio, e coglierne dunque tutte le sfumature, la temperatura ottimale sarebbe dieci gradi. Provatelo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search