Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 209 del 17/03/2011 il 16 Marzo 2011
di Redazione

HTTP://MYSLOWBURNINGLIFE.BLOGSPOT.COM

La cantinastorica di Canelli, produttrice di bollicine d'autore, ceduta alla famiglia Rivetti

Contratto,
passaggio
di testimone

Sono stato molto fortunato oggi, giornalisticamente parlando, quando ho fatto il numero di Carlo Micca Bocchino.

Era in auto con Giorgio Rivetti, enologo e produttore di ottime Barbera e Barbaresco, in particolare il Gallina, da me preferito. Volevo informazioni sulla vendita della Contratto, cantina storica di Canelli, produttrice di bollicine d'autore, prima di tanti. Erano insieme e avevano, probabilmente, appena firmato la vendita. Non ho chiesto se i milioni di euro erano 7, 8, 9, 10 oppure 11, perchè il nocciolo di questa cessione sta in un rapporto diverso. Carlo ha nella sostanza passato la mano a un amico, Giorgio, in fondo consegnando le chiavi della cantina, ma soprattutto lasciando un testimone di territorio, storia e qualità che fa onore ad entrambi. Come antichi cavalieri non hanno avuto bisogno di sguainare le spade è bastata una stretta di mano. Si sono scelti. Non credo accada tutti i giorni nelle vendite del mondo, siano esse di cantine  o condomini.
La versione integrale dell’articolo al seguente link:  http://myslowburninglife.blogspot.com/2011/03/la-contratto-alla-famiglia-rivetti.html
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search