Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 210 del 24/03/2011
di Redazione

IL BILANCIO

I commenti degli importatori che hanno partecipato a Winett, a Palermo. In alcuni Paesi i vini dell’Isola sono paragonati a quelli Toscani

I buyer:
"Si punti sul brand Sicilia"


David Kim Heng Lim

I vini siciliani nel mercato estero vantano forti potenziali di crescita ma sarebbero ancora ben lontani dall’essere riconosciuti ciascuno per il proprio territorio d’origine.

Fatta eccezione per alcuni varietali che cominciano ad acquistare notorietà, è il brand Sicilia la futura leva nella scelta d’acquisto. Lo hanno rivelato alcuni dei buyer che hanno partecipato all’ultima edizione del Winett svoltasi a Palermo, gli attori dei mercati di Europa, Asia e America che hanno gestito il tasting a tempo confrontandosi con 44 produttori. Dalla loro testimonianza, raccolta a caldo nella sala degustazione dell’Hotel des Palemes tra un turnover e l’altro, è emersa una Sicilia oramai geograficamente ed enologicamente individuabile a tutte le latitudini dell’emisfero. E in quelle dove la penetrazione nel mercato è di recente attuazione l’appeal dell’Isola viene addirittura paragonato a quello della Toscana. “In generale, e possiamo ribadirlo in questa occasione, troviamo che i vini prodotti in Sicilia siano interessanti. Sono vini soddisfacenti, rappresentano un nuovo territorio che ha tutte le qualità per avere lo stesso successo che ha da noi la Toscana – dichiara David Kim Heng Lim buyer malesiano della Denise Wine -. Nel nostro mercato vi è una forte presenza di vini provenienti dall’Australia e dal Cile, dagli Usa e la Sicilia può rappresentare una buona alternativa. Offre vini solari con caratteristiche che piacciono al nostro mercato. E la gente ne è incuriosita, soprattutto dai rossi, tipologia di vino molto apprezzata in Malesia rispetto ai biamchi ”.
Più che la veste del territorio la Cina richiede al vino siciliano uno stile più preciso, definito.


Peter Chu

E’ quanto riportato da Peter Chu direttore della Cellarmaster Wines di Hong Kong. “La Sicilia ha tantissimi territori tutti diversi. Si nota in tutti che c’è un’anima, l’anima del Mediterraneo, e questo è dato da ogni terroir. Però quest’anima dovrebbe incarnarsi in uno stile un po’ più marcato, incisivo, trasversale a tutti. Uno stile siciliano fortemente riconoscibile che ancora i vini non hanno, anche se da quello che ho assaggiato qui vedo che si sta lavorando su questa strada”. Il manager lancia ai produttori anche una proposta. “Perché non lavorare su dei gran cru? Ho notato che è diffuso l’uso di apporre in etichetta la riserva, lo fanno quasi tutti, è difficile però poi così fare una differenziazione”.
Per Nicholas Leong, general manager della compagnia Trasfa di Shangai, la Sicilia detiene già un suo stile.


Nicholas Leong

Riconosciuto da alcuni come un brand non è ancora diffuso perché non abbastanza comunicato. “Si dovrebbe meglio veicolare e comunicare la Sicilia. Noto anche delle contraddizioni nelle etichette. Si comunica attualmente la Sicilia in quelle Igt quando invece manca in quelle Doc. Cosa che attualmente non aiuta l’identificabilità dei vini”. Per SØren Villadsen, direttore della Hannibal Weine, compagnia d’importazione che nasce nel Liechtenstein, la Sicilia è sempre più conosciuta ma rischia di non essere competitiva a causa dei prezzi.
“Sulla stessa fascia di prezzo in cui si attesta il vino siciliano, vi sono altrettanti vini interessanti provenienti dagli altri paesi, con altrettante elevate caratteristiche qualitative però a prezzi migliori. I produttori siciliani devono stare attenti alla politica del prezzo che applicano ed essere più competitivi. ”.


SØren Villadsen

Una buona qualità prezzo in media è quella che invece ha notato Margarita Krasnopolskaya, buyer russa della Uta NN. “Trovo tutti i vini con un buon rapporto qualità/prezzo, credo che se la Sicilia sta cominciando ad avere successo da noi è perché il consumatore apprezza questo rapporto. Poi sono tutti vini di territori interessanti, la gente è in grado di capirli quindi bisogna comunicarli”. 

Manuela Laiacona

Le foto sono di Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search