Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 211 del 31/03/2011 il 30 Marzo 2011
di Redazione
I marchi italiani mancano del tutto all'appello, ma investire sulle società del vino in Borsa conviene, anche se negli ultimi mesi il trend ha leggermente frenato. Lo afferma un'indagine dell'ufficio studi di Mediobanca, secondo la quale dal gennaio 2001 ai primi del mese l'indice internazionale di Borsa del settore vinicolo è cresciuto del 122%, contro un aumento del 14% dei mercati azionari mondiali.
Il paniere dei titoli che compongono l'indice è composto per il 35% circa da società australiane e per poco meno del 30% da quelle cinesi, che hanno margini di redditività impressionanti. Seguono i gruppi nordamericani al 13%, il Cile al 7%, la Francia al 5% e la Spagna al 2%. Questo il volume di capitalizzazione, ma per fare affari d'oro si sarebbe dovuto investire solo in due direzioni: Stati Uniti, dove i titoli del vino hanno fatto meglio della Borsa di riferimento del 60%, e soprattutto in Francia, con i gruppi del vino più remunerativi rispetto ai listini azionari generali di Parigi del 172%. I guadagni, anche grazie a risultati industriali sempre notevoli con una media del margine operativo del 18,5% sul fatturato, sono netti rispetto a inizio secolo, mentre negli ultimi dodici mesi in quasi tutte le aree geografiche i titoli del comparto hanno frenato la loro convenienza, facendo peggio delle Borse di riferimento in Spagna, Usa, Francia e Cina, mentre guadagnano qualcosa solo in Cile e Australia. Una frenata causata anche dalla struttura finanziaria debole: a livello internazionale i gruppi del vino, spesso attivi anche nella produzione di birra e distillati, sono gravati sia da una crescita per acquisizione eccessiva sia da una posizione finanziaria difficile: nel 2009 il rapporto tra debiti finanziari e mezzi propri è del 108% medio, dopo il boom insostenibile del 120% dell'anno precedente.
 

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giuseppe Molaro

Contaminazioni restaurant

Somma Vesuviana (Na)

4) Carota, bufala e pomodoro del Piennolo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search