Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 33 del 01/11/2007 il 31 Ottobre 2007
di Emanuele Di Bella
    DIARIO GOLOSO

barcelona.jpgA Barcellona anche il fratello di Ferran Adrià, Albert, ha aperto un tipico locale dedicato alle “bruschette” spagnole. Ma ci sono anche tante influenze esterne. Il variegato mondo di una città aperta 24 ore su 24

Nella terra delle tapas

Il gotico e l’avanguardia del Novecento. Gaudì e gli ori del sud America precolombiano. Solo se si guarda da punti di vista molteplici e in certi casi opposti, a partire dalla lingua (convivono spagnolo e catalano), Barcellona può mostrare il suo vero volto.
caracoles.jpgQuello di una capitale non spagnola o europea o mediterranea. Ma quello di una città mondiale, dove le culture si incontrano e si mescolano, traendo beneficio le une dalle altre.
Cultura e cibo. Il cibo è cultura. Chi segue questo sito e legge queste righe, prenderà l’affermazione come un’ovvietà. Però chi è stato a Barcellona sa che ogni menu e ogni pasto possono essere un tuffo in un mix di tradizioni ed esperimenti indimenticabili. E indimenticabile, nel sapore della tradizione dei tipici bar spagnoli, è Inopia, luminoso tapas bar da gourmet a Sant Antoni (carrer de Tamarit, 104), gestito da Albert Adrià, fratello di Ferran, lo chef giudicato dal Time come uno dei cento personaggi più influenti della Terra. Inopia non è certo El Bulli, e d’altra parte non ha neppure gli stessi prezzi. Una cosa in comune però ce l’ha: l’altissima qualità dei prodotti, che lo contraddistingue dai tantissimi bar di tapas che affollano la vivace Rambla, il cui obiettivo sembra soltanto quello di dar da mangiare a turisti affamati che vogliono risparmiare sul “pieno” fra un centro commerciale e l’altro.
boqueria.jpgPer un pasto diverso nel genere, ma ancora una volta legato alla tradizione, a plaza Real, c’è Les quinze nits con le sue sperimentazioni non troppo estreme: minestra di pomodoro con olio di pesto, carpaccio di salmone con insalata di tartufo, bruschette con scaglie di prosciutto iberico, insalata di formaggio di capra alla vinaigrette di miele, pesce panato con mousse di melanzane e pomodoro. Sapori mediterranei, come è evidente, e un conto non troppo pesante.
Per chi decide di consumare un pasto in un’atmosfera tipicamente catalana, in un locale dal servizio ineccepibile e gustando i migliori prodotti della regione, c’è Los Caracoles. Un locale rustico al quale si accede da una porta a vetri che si affaccia su Carrer dels Escudellers (al civico 14) e le cui specialità sono il pollo alla brace e le lumache (che arrivano ogni giorno da Vic, a nord di Barcellona). Va avanti così dal 1835, ora è gestito da Ramon e Aurora Bofarull che si aggirano per il locale con auricolare collegato alla cucina e alla cassa, e che rappresentano la quinta generazione della loro famiglie a gestire il ristorante. Una taverna ottocentesca, insomma, con il pallino dell’alta qualità, a partire dalla ricca cantina, dal prosciutto crudo di maialino iberico, dalla paella con astice. E poi le grigliate, cotte su un’enorme brace alla quale partecipano una decina di cuochi a pochi metri dai tavoli. Tornando ai pranzi veloci, va segnalato anche Andurina, nel cuore della città vecchia, poco distante da plaza Catalunya. Provate le zuppe, il bacalao in umido, il dolce catalano e assaporate una deliziosa pausa fra studenti e impiegati in pausa pranzo.
pic.jpgPer chi ama gustare e guardare il cibo La Boqueria è una tappa obbligata. È uno dei più grandi mercati di frutta e verdura d’Europa, dove i colori della frutta di stagione sono imperanti e dove i profumi si mischiano gli uni agli altri in quello che fino al XIX secolo era il monasteri di san Giuseppe. È qui che gli chef passano in rassegna le bancarelle alla ricerca dei prodotti freschi, facendo a gara con le massaie che fanno le provviste per la settimana e con i turisti ammirati e incuriositi dalle macedonie e dai centrifugati di frutta che i mercanti hanno imparato a confezionare.
Ultima curiosità, per una città che ne offre tantissime: Josè Planelles Picò. Potrebbe essere definita una parentesi golosa nella frenetica Carrer de Cucurulla, si trova all’interno della portineria di un palazzo, proprio accanto all’ascensore c’è il bancone con mille delizie di cioccolato. E non ha mai cambiato posto dal 1870.


Carla Fernandez
Marco Volpe

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search