Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 35 del 15/11/2007 il 15 Novembre2007

    IL PRODOTTO

olive_home.jpgIniziata la raccolta destinata alla produzione dell’”oro verde” di Sicilia. I metodi più diffusi sono ancora oggi la brucatura, la scuotitura, la bacchiatura e la cascola naturale

Il tempo delle olive

In questo periodo gli oliveti brulicano di contadini intenti nella raccolta delle olive. Usi e tradizioni di campagna che affondano le loro radici nella storia del territorio. Una poesia per gli occhi e per il palato che nasce in Sicilia ai tempi dei greci e che fanno dell'Isola ancora oggi la terza regione italiana nella produzione oliandola.

raccolta_olive.jpgCallimaco, il grande poeta greco, racconta che la disputa fra il dio delle acque Poseidone e Atena per il dominio dell'Attica, fu vinta dalla dea proprio per aver creato l'olivo. Questo albero, che per la Sicilia è stato nel corso della storia molto di più che una fonte di reddito e nutrimento, rappresenta sotto diversi aspetti l'oro verde della nostra Isola. La Sicilia è stata storicamente la prima regione italiana in cui si è diffusa in modo capillare la coltivazione dell'olivo ad opera dei fenici e dei greci. Greci, romani e poi anche gli spagnoli videro – non a torto – proprio nella Sicilia il luogo ideale di coltivazione e sviluppo di questa pianta miracolosa.
Dell'olio di oliva d'altronde erano già noti fin dall'antichità i tantissimi pregi nutrizionali e le qualità medicamentose e oggi tutti i medici come già Ippocrate nei suoi scritti consigliano l'uso dell'olio come rimedio per molte malattie e nella prevenzione delle patologie cardiovascolari e neoplastiche. Tutte le dominazioni che si sono avvicendate in Sicilia hanno lasciato tracce anche nella tradizioni e negli usi di coltivazione e negli impianti dell'olivo. I segni di un passato che nel corso degli anni ha conosciuto il moltiplicarsi di un infinità varietà di cultivar, di un enorme patrimonio cioè di differenti tipi di olive che ha reso la geografia di coltivazione oliandola dell'Isola una delle più feconde e variegate al mondo. Tantissimi ed evocativi i nomi delle tante coltivazioni: Biancolilla, la Nocellara del Belice, la Tonda Iblea, la "Rizza" della zona di Caltavuturo, Polizza Generosi e delle Madonie, la Minuta, la Nerba, la Verdello, la Passulunara e la Zaituna per citarne solo alcune. E poi la Prunara, la Morgatana e la Mantonica, e l'elenco sarebbe ancora lungo. Sono infatti almeno sedici le varietà presenti e coltivate nell'Isola, più altre trenta meno note e ritenute dal punto di vista agronomico praticamente marginali.
olive_dentro.jpgLa superficie olivetata copre in Sicilia oltre 170 mila ettari di terreno che rappresentano il 14 per cento del totale nazionale, percentuale che fa della Sicilia la terza regione italiana per produzione oliandola dopo Calabria e Puglia.
A Caltavuturo, a Polizza Generosa, nelle Petralie e in tutti i comuni del comprensorio madonita proprio in questi giorni è facile vedere nelle campagne contadini intenti nella bacchiatura delle olive. La raccolta, d'altronde, influisce sulla qualità del prodotto quanto la trasformazione in olio nel frantoio. Girare per oliveti in questo periodo è una vera e propria poesia per gli occhi: campagne e terreni che brulicano di persone occupate nella raccolta dei piccoli e preziosi tesori verdi. I metodi di raccolta più diffusi sono ancora oggi la brucatura, la scuotitura, la bacchiatura e la cascola naturale. Il metodo più diffuso in Sicilia, secondo antiche tradizioni, consiste nel battere i rami dell'albero e nel raccogliere le olive ponendo sotto le fronde immense reti che abbracciano letteralmente i piccoli frutti. A Palermo la superficie coltivata ad olivi nell'intera provincia è pari a 23.822 ettari e proprio nelle Madonie viene coltivata l'oliva detta "Rizza". Le mani sapienti dei contadini battono i rami, oggi con un asta "elettrica" la cui estremità agita e sbatte i rami, una volta con dei semplici bastoni di legno. Poi le olive vengono molite entro 24 ore secondo antichi principi di lavorazione, che mantengono integre tutte le qualità organolettiche. Sapori antichi che raccontano, una volta imbottigliati, la storia del territorio. Sentori di erba appena raccolta, di pomodori verdi, toni fruttati, amari o piccanti ne esistono così tante declinazioni per accontentare ogni palato.
I grandi scrittori e poeti siciliani, da Pirandello a Bufalino, Verga e Buttita hanno cantato con grande passione i colori e le forme dell'ulivo e i Siciliani tutti usano dire "Cca na nfurnàta ri pàni e nù mpùgnari r'alivi, pari ca u mùnnu nun si po' ffiniri", come per dire che anche solo con un po' di pane e con qualche oliva tutto fila liscio... come l'olio.


Junio Tumbarello

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search