Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 37 del 29/11/2007 il 29 Novembre 2007
di Emanuele Di Bella
    LA CURIOSITÀ


ferran-adria_hp.jpgLo chef spagnolo di “El Bulli” ha confessato a un quotidiano spagnolo di essere in procinto di lasciare i fornelli. Una provocazione? Intanto “el cocinero” dice di avere un unico desiderio: “Essere libero”

Adrià ringrazia e saluta

‘’Il mio sogno è quello: essere libero’’. Lascia i fornelli. Dice di essere stanco Ferran Adrià, 45 anni, uno dei cuochi più famosi del mondo. E annuncia l’addio alla cucina. Entro un anno lo chef di Barcellona sostiene che abbandonerà il lavoro e il ristorante ‘’El Bulli’’ di Cala Montjoy.
Dove non c’è più un posto disponibile fino all’annunciata chiusura. E lì non si bada a spese perche’ il conto non e’ mai inferiore ai 300 euro a persona. ‘’Mi sento affaticato - ha spiegato al quotidiano basco El Correo - lascerò El Bulli a fine 2008 per dedicarmi ad altre cose, ad attività che non mi prendano troppo tempo, come un paio di giorni a New York o a Tokyo per partecipare alla presentazione di un prodotto’’.
Adrià è spesso associato alla Gastronomia molecolare assieme allo chef inglese Heston Blumenthal. L'obbiettivo di Adrià è stato di "creare un inaspettato contrasto di sapori, temperature e colori. Niente è quel che sembra. L'idea è di provocare, sorprendere e deliziare. Lui afferma: "Il cliente ideale non viene a El Bulli per mangiare, ma per provare un'esperienza".
Il ristorante è aperto solamente da aprile a settembre, Adrià impiega i restanti mesi mettendo a punto piatti nel suo laboratorio "El Taller" a Barcellona. Oggi è considerato uno dei migliori chef nel mondo ed è stato incluso nella lista, compilata dal Time, dei cento uomini più influenti al mondo. El Bulli ha 3 stelle Michelin e nel 2005 si è posizionato secondo nella Top 50 di Restaurant .
Iferran_adria_dentro.jpgl «cocinero» che ha inventato la gastronomia concettuale, rivoluzionando la tecnica dei fornelli prima con il sifone poi con la pacojet, è appena tornato da una vacanza nei Caraibi. «Ho passato due settimane senza fare assolutamente niente, senza pensare a nulla - racconta - e mi sono chiesto: perché ritornare? Per fare che cosa?». Lo chef, scapolo d’oro, ha già battuto tutte le strade. Figlio di uno stuccatore, Ferran Adrià ha iniziato la sua carriera culinaria nel 1980 mentre lavorava come lavapiatti all' Hotel Playafels a Ibiza nella città di Castelldefels. Lo chef dell'hotel gli ha insegnato la preparazione dei piatti tipici spagnoli. All'età di 19 anni ha prestato servizio militare con la mansione di cuoco. Nel 1984, all'età di 22 anni, Adrià si è unito allo staff dell'allora sconosciuto El Bulli di cui diciotto mesi dopo ne è diventato lo chef.
El Bulli, divenne trendy grazie alla ‘sinistra al caviale’ dello scrittore Manuel Vázquez Montalbán. ‘’Professionalmente posso essere importante - dice Adrià - ma non dimentico mai che vengo dal popolo, che sono uno come gli altri. Poi i miei amici e la mia famiglia mi fanno tenere i piedi per terra, sono sinceri e impediscono che diventi un presuntuoso idiota’’.
La leccornia più recente, un delirio di sapori, è il «trucciolo di pancetta iberica virtuale con capsula d’olio d’oliva e consommé di pomodoro». Però Adrià non nasconde l’antico amore per il Sol Levante. «Quest’anno la Guida Michelin ha attribuito 191 stelle a Tokyo, il doppio di Parigi. La capitale del Giappone ha 160 mila ristoranti: è quella la città gastronomica più importante».
Per il futuro Adrià, scapolo d’oro, annuncia ‘’starò di più con la famiglia, sarò più egoista, baderò di più a me stesso. Il mio amico Vincente Todolí, da cinque anni direttore della galleria Tate Modern a Londra, mi ha presentato il pittore Richard Hamilton: è l’unica persona al mondo che vive d’arte pur senza vendere un quadro da vent’anni. ». E dire che fino a poco tempo fa amava ripetere ’’«Bisogna tenere presente che El Bulli è un posto dove si mangia in modo molto particolare e quello che più mi interessa è che il cliente rimanga contento, ma ancora di più che io sia contento‘’. Contento lui…


Elena Mancuso

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search