Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 37 del 29/11/2007 il 29 Novembre 2007
di Emanuele Di Bella

mandranova.jpgSilvia Di Vincenzo
Premio Migliore
produttore di olio


Oli erbacei, fragranti, verdi. Oli precisi, eleganti, dai profumi fruttati. Mandranova è però conosciuta più all’estero che in Italia. Il 90% dei suoi 40.000 litri prodotti annualmente finiscono sulle tavole di tutto il mondo. Nella metà degli anni novanta, quando tutti andavano verso il vino, Giuseppe e Silvia Di Vincenzo seguivano un folle progetto di espianto delle vigne impiantando ulivi di varietà autoctone quali nocellara del Belice, biancolilla, cerasuola e giarraffa. Via tutti i preconcetti sull’olio, via la tradizione, via le consuetudini millenarie. Dunque si riparte da zero, con umiltà, con l’idea di ottenere il massimo – a qualsiasi costo – e non è cosa facile. I sacrifici e la lungimiranza però ripagano. Il contenuto delle piccole bottiglie da 250 ml fa saltare oggi i banchi di assaggio internazionali, la Sicilia è sempre avanti a tutti. Anche il packaging delle quattro linee aziendali in blend e monocultivar è accattivante, ideale per un pubblico attento che riconosce l’impegno e la passione anche dai dettagli. Non è abbastanza. Gli ospiti e gli importatori possono da due anni soggiornare e verificare con i propri occhi la qualità della produzione, gli impianti e gli uliveti in un resort di charme di 9 camere e 3 suite gestito personalmente da Silvia. Ed ancora una volta vi assicuriamo che la lingua ufficiale parlata nella tenuta non è l’italiano. “Best in Sicily”.

Marina V. Carrera


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search