Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 86 del 06/11/2008 il 06 Novembre 2008
di

IL CONVEGNO

A Bronte un convegno internazionale per il rilancio del pistacchio e della frutta secca. Pronti gli interventi della regione

Il piacere di
essere al verde

Esperti e amministratori a confronto. Al centro un unico protagonista: il pistacchio. Ad ospitare l’incontro a partire dal 7 novembre, manco a dirlo, è Bronte, la capitale del pistacchio. Si tratta del convegno internazionale promosso dall'assessorato regionale all’Agricoltura, dal titolo “Sulle orme del pistacchio passando per la Sicilia”.


È il secondo capitolo di un progetto di studio e ricerca unico al mondo e di respiro globale, che la Regione ha attuato per sostenere e rilanciare lo sviluppo della produzione della frutta secca in Sicilia. Il pistacchio di Bronte, che è anche un presidio Slow food, è questa volta l'oggetto di studio del dibattito che focalizza sul futuro di una produzione dalle forti potenzialità ma che rischia la sopravvivenza. Il frutto d'eccellenza dal successo gastronomico mondiale si ritrova, infatti, a far fronte a problematiche di mercato legate ad un sistema di produzione troppo oneroso in termini di costi e manodopera.
Eredità della tradizione contadina, la pistacchicoltura, ancora oggi, ricorre a tecniche di coltivazione e di raccolta interamente manuali. Mentre gli innesti attualmente utilizzati sono caratterizzati da un periodo di maturazione decennale. Obiettivo del convegno e del progetto è quindi quello di incentivare l'innovazione nel settore. A tal fine la Regione ha chiesto la collaborazione del Cra, Centro di ricerca per la frutticoltura di Roma, e dell'Ishs, International society for horticultural science di Bruxlles, e ha coinvolto i principali Paesi produttori di pistacchio nel mondo creando una rete di scambi di esperienze e know how. “Vogliamo promuovere un piano di azioni articolato in tre interventi - spiega Ignazio Vassallo, dirigente dell'assessorato -. L’introduzione della raccolta meccanica. L'impostazione di pistacchieti razionali, cioè in file ordinate, al fine di agevolare l’impiego delle macchine. Il ricorso ad innesti a fruttificazione più veloce”. In un territorio che detiene 4.000 ettari di pistacchieti e la più importante industria di trasformazione, in cui si sviluppa solo l'un per cento della produzione mondiale ma che si contraddistingue per pregio ed unicità, la questione di una commercializzazione al passo con i tempi è quanto mai delicata. Una strada da percorrere per preservare una tradizione millenaria, per sostenere una risorsa economica e culturale, per custodire un tesoro che racchiude tutto il sapore della Sicilia.
«La produzione di pistacchio siciliano - dice l’assessore regionale all’Agricoltura Giovanni La Via - non ha l'importanza di quella iraniana o californiana, tuttavia si tratta di un'entità talmente specifica da renderla inimitabile. L'oro verde di Bronte, pur ottenuto in condizioni pedoclimatiche che rendono difficile sul piano dei costi di produzione la competizione con gli altri paesi produttori, ha un mercato di nicchia e spunta prezzi più elevati, per le peculiari caratteristiche gustative».

Manuela Laiacona


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search