Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Numero 86 del 06/11/2008 il 06 Novembre 2008
di

LA SAGRA

Dall’8 novembre, a Ragusa, la decima edizione della festa dedicata alla frittella. Per le strade barocche anche formaggi, legumi, vino e dolci alle mandorle

Dove il fritto
è di casa

In questo clima di prolungata estate si può cogliere l’occasione per trascorrere qualche giorno a Ragusa e partecipare alla decima edizione della “Sagra della frittella” che si terrà dall’08 all’11 di novembre.


La città di Ragusa, ormai “patrimonio dell’umanità” riconosciuto dall’Unesco, offre la possibilità di visitare sia luoghi di interesse culturale che paesaggistico. La sua architettura barocca rappresentata da palazzi nobiliari da chiese, i vicoli di Ragusa Ibla, l’ottocentesco Castello di Donnafugata, nonché la campagna con le masserie e i muri a secco tipici di questa zona, permettono al visitatore di far godere appieno tutti i sensi. Grazie infatti, a una sana e diffusa imprenditoria agricola, artigianale e piccolo industriale si è mantenuta una gastronomia tipica fatta di cibi e vini, che ha puntato alla valorizzazione dei prodotti locali.
La frittella che da dieci anni rappresenta la sagra, nell’ambito della “Festetate di San Martino”, è un cibo semplice e genuino che utilizza farina, olio d’oliva, latte, lievito, uva sultanina finocchietto e noci. L’impasto fritto, viene passato poi nello zucchero semolato. La ricetta si tramanda dai tempi di nonni e bisnonni che la usavano per accompagnare il vino novello, prodotto proprio nel periodo di San Martino. Le vie della città saranno riempite dagli stand che offrono prodotti tipici quali formaggi, legumi, vino, dolci alle mandorle, rosolio, e puntellate da pentoloni dove verranno cotte la frittelle, che vanno servite calde.
L’inaugurazione nella serata di sabato prevede, oltre alla degustazione delle frittelle, anche l’assaggio dei cavati al sugo di maiale (pasta all’uovo tipica del luogo). Sono previste esibizioni musicali e rappresentazioni teatrali, cabaret, animazione per bambini ed eventi sportivi (1° torneo di ping-pong). Inoltre quest’anno, nell’ambito delle quattro giornate, è stata inserita la notte bianca (occasione in cui i negozi resteranno aperti), che partirà il sabato sera e si concluderà intorno alle 3 della domenica.
 

Aurora Rainieri


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search